ANNO 10 n° 23
''Soppressione corsa verso Viterbo,inaccettabile''
Ciancolini e Marzo: ''Amministrazione si adoperi per il ripristino''
13/01/2020 - 10:49

VITORCHIANO - Riceviamo e pubblichiamo.

''Il fatto è che è stata soppressa una corsa importantissima per la mobilità di Vitorchiano: l'azienda responsabile ha deciso che il pullman che collega Vitorchiano con il capoluogo Viterbo delle 16:40 non sia più necessario. L'aggravante è che tutto sia avvenuto senza concertazione. L'inaccettabile è che non ci si attivi affinché quest'ingiustizia nei confronti di tutti i cittadini vitorchianesi venga eliminata.

La vita è movimento: non solo non esiste nulla, in natura, che sia considerato vivo e che abbia molecole immobili, ma anche la vita sociale può essere descritta come azioni e movimenti di persone in comunità. Crediamo non siano necessarie più di queste poche righe per capire l'importanza che ha, per gli esseri umani, la possibilità di spostarsi.

Negli anni venti di questo secondo millennio, non si può fare a meno di pensare alla mobilità come qualcosa di vitale, certo, ma che anche di strettamente connesso alla sostenibilità ambientale: è necessario intensificare in ogni modo possibile il trasporto pubblico, unico modo per evitare l'abuso di mezzi privati altamente inquinanti per gli spostamenti quotidiani.

In una tale ottica, che non ci pare visionaria, bensì al passo con una modernità consapevole, in un paese come Vitorchiano, così vicino alla città principale del territorio e così popolato, dovrebbe essere garantito un servizio di mezzi pubblici elettrici intenso, quasi da area metropolitana (con una cadenza di massimo trenta minuti tra una corsa e l'altra e con servizio anche notturno). Se, poi, oltre a pensare alla normale necessità di spostamento quotidiano dei cittadini, si considerano anche le giuste ambizioni turistiche che Vitorchiano persegue sempre più intensamente, appare chiaro non solo che il servizio messo a disposizione finora fosse insufficiente, ma che questo ulteriore 'taglio' è davvero controproducente per lo sviluppo del paese (tanto più che attrarre un turismo poco attento alla sostenibilità ambientale, come può essere quello che ancora si muove esclusivamente con macchine private, non può essere un obiettivo da porsi).

Per tutti questi motivi, chiediamo che l'amministrazione si attivi al più presto non solo per far ripristinare la corsa soppressa, ma anche per negoziare con chi di dovere l'intensificazione del servizio (perché non proporre, ad esempio, che i pullman che collegano Viterbo con Vignanello, Vallerano e Vasanello passino anche per il centro di Vitorchiano, anziché solo dal Pallone?), affinché il Borgo Sospeso non diventi anche un Borgo Isolato''.

Alessio Marzo e Gemini Ciancolini, Rinnovamento di Vitorchiano






Facebook Twitter Rss