ANNO 9 n° 265
Solimina: ''Ci stiamo calando nella realtà''
27/11/2013 - 17:37

VITERBO - (d.s.) Solimina è soddisfatto. Sta ricomponendo i pezzi del puzzle. E nonostante le assenze che penalizzano anche il lavoro quotidiano (l'ultimo ad alzare bandiera bianca è stato Pacenza) la sua squadra sta ritrovando lo smalto che aveva perso. La prestazione contro il Lariano in coppa è confortante: c'è la vittoria (anche larga), c'è l'atteggiamento giusto che convince, ci sono i giovani che si propongono e in ottica futura anche un possibile cambio di modulo. Solimina parla di tutto. Sia della partita che del mercato. A breve avrà una nuova Viterbese tra le mani e a strettissimo giro di posta il regalo dall'Argentina, Mathias Vegnaduzzo.

Sta pensando ad un nuovo atteggiamento tattico più somigliante al 4-3-1-2: ''Ci avevamo lavorato ieri - ammette - poi Pacenza si è arreso al fastidio al tendine d'Achille e ho dovuto optare per una scelta diversa. Del resto i cambi che ho fatto erano gli unici possibili''. Sarà difficile vedere Pacenza a Monterotondo domenica prossima (contro l'Empolitana ha giocato con una infiltrazione), Noviello ha problemi ad un flessore e sarà monitorato per tutta la settimana.

Restando all'attualità si è vista la miglior versione gialloblu del primo scorcio di stagione e un Pero Nullo in forma smagliante. Si è da poco ripreso dall'infortunio, ma il suo apporto sembra decisivo. Solimina gongola: ''Ci stiamo pian piano calando nella realtà dell'Eccellenza e oggi si è visto. Qualcuno ha capito che bisogna pensare maggiormente ai fatti. Pero Nullo? Ce lo teniamo strettissimo, ha qualità importanti, è un grossissimo giocatore. Ma Pero Nullo fa parte di una squadra e se i compagni non gli danno i palloni lui può fare davvero poco''.

La discussione sul mercato prende il sopravvento. E' lo stesso Solimina che indica gli obiettivi: ''Una punta importante, Polani sta per essere tesserato, un difensore centrale e un esterno dalle caratteristiche di Pero Nullo. Vegnaduzzo? Se dovesse arrivare sarei il più felice di tutti. Ha caratteristiche uniche, ci porta in più cattiveria, fame e tantissimi gol''. E se si aggioungono i colpi praticamente messi a segno degli under Marinelli, Kacka, del portiere della Berretti del Grosseto Pini e di un altro guardiano dei pali (Boccolini?) il mercato è completo. Per la difesa si è fatto il nome di Mucciarelli. In serata l'incontro decisivo nella sede della Ilco per Vegnaduzzo: da un lato i Camilli dall'altro il manager dell'argentino Leopodo Ciprianetti.

I RISULTATI DEI QUARTI DI FINALE

VITERBESE CASTRENSE - LARIANO RDP NEMI 3-1

RIETI - EMPOLITANA GIOVENZANO 0-3

COLLEFERRO - LADISPOLI 2-3

REAL POMEZIA - FREGENE 2-1





Facebook Twitter Rss