ANNO 7 n° 144
Silvia e Francesco, l'amore malato
L'incontro tra i due preceduto da una lettera d'addio dai toni farneticanti
17/03/2017 - 20:55

ORTE - Un amore finito. E finito in tragedia, quello che aveva unito, per circa 16 anni, prima della separazione, Silvia Tabacchi e Francesco Marigliani, i due giovani trovati cadavere in un'auto sulla strada Vasanellese. 

La tragedia consumata ieri, nel pomeriggio, attorno alle 16 quando, almeno dalle prime ricostruzioni, il ragazzo, 30 anni circa, ferroviere, avrebbe sparato in testa all'ex fidanzata uccidendola e poi si sarebbe tolto la vita.

Tre colpi di pistola che hanno allarmato i passanti, catturando la loro attenzione. Immediata la chiamata alle forze dell'ordine che si sono precipitate sul luogo: sotto i loro occhi, la tragedia. Due corpi senza vita all'interno di una Renault Megane, parcheggiata sul ciglio della strada, in una piazzola deserta.

Lei china sulle gambe del ragazzo, lui ancora seduto sul sedile. Secondo quanto trapelato, il ragazzo avrebbe da poco ottenuto il porto d'armi e avrebbe acquistato una calibro 9. Forse l'arma usata per il duplice delitto: un'azione premeditata, dal momento che, tra gli effetti personali del presunto carnefice sarebbe stata ritrovata una lettera d'addio dai toni farneticanti. 

Francesco avrebbe raggiunto Silvia, da mesi fidanzata con un altro ragazzo, nel suo paese natale con una moto, dandole appuntamento sulla strada Vasanellese. Un incontro tra i due organizzato per chiarirsi dopo l'ennesimo litigio, probabilmente causato dall'ossessiva gelosia del trentenne. 

Ancora in corso le indagini degli inquirenti per ricostruire gli ultimi attimi della ex coppia, ma dalle prime indiscrezioni si sarebbe trattato di un omicidio-suicidio. Sconosciute ancora le cause che avrebbero portato il ragazzo all'estremo gesto: con una pistola in pugno avrebbe messo fine al suo amore malato.

Un amore durato circa 16 anni tra alti e bassi, dai primi anni del liceo. Continui litigi, ma sempre seguiti da momenti apparentemente felici. Fino alla rottura. E fino a ieri, quando uno dei due avrebbe deciso di chiudere la storia. Nel peggiore dei modi.

Ancora sconvolta l'intera comunità vasanellese. Sul posto, l'attuale fidanzato di Silvia Tabacchi, all'oscuro della vicenda: ''Non sapevo nulla di quanto fosse successo''.

''Questa morte ci ha lasciato tutti perplessi: siamo tutti scossi. Soprattutto per la dinamica - ha commentato a caldo il sindaco Antonio Porri - si parla tanto di femminicidio, poi ce lo troviamo davanti agli occhi all'improvviso. Senza poter far nulla''.






Facebook Twitter Rss