ANNO 7 n° 176
Shopping, nella Tuscia è tempo di saldi
Anche a Viterbo scatta l’ora X, da oggi prezzi scontati su migliaia di prodotti
05/01/2017 - 02:01

VITERBO – Giovedì 5 gennaio, ore 9. Scatta l’ora X. Anche a Viterbo, così come nel resto della regione, cominciano, finalmente, i saldi. Prodotti di ogni genere, dall’abbigliamento alla tecnologia, passando per cosmesi e calzature, saranno scontati rispetto al loro prezzo originale. E allora mano al portafogli e avarizia chiusa in un cassetto: è tempo di saldi e quel cappottino perfetto da indossare il sabato sera – da troppo tempo adocchiato in centro e mai acquistato – potrà essere vostro. Così come quelle cuffie di ultima generazione. O quella sciarpa in cachemire, morbida e calda per quest’inverno, che già si preannuncia, troppo rigido.

Secondo uno studio di Confesercenti, sono 14,6 milioni le famiglie che, in tutto lo stivale, si preparano ad acquistare prodotti durante i saldi invernali: circa un italiano su due, infatti, si dichiara interessato a queste vendite, nella stragrande maggioranza dei casi puntando all'abbigliamento. Secondo l'associazione dei commercianti i saldi possono valere quasi 5 miliardi di acquisti per una spesa media a famiglia di 337 euro. Ciononostante sulla previsione di spesa, sono ancora molti i pareri discordanti. Se gli addetti alle vendite si dichiarano ottimisti, dall’altra i rappresentanti delle associazioni degli utenti appaiono più pessimisti, anche rispetto allo scorso anno. E a Viterbo? Cosa succederà? Negozi presi d’assalto, alla ricerca della migliore offerta, o poche persone in fila, ad approfittare delle proposte scontate?

''La spesa delle famiglie per i saldi non supererà i 250 euro, secondo le nostre previsioni purtroppo la combinazione tra redditi bassi e spese primarie e irrinunciabili elevate, come quelle sostenute per alimentazione, casa, trasporti e tasse, non permette alle famiglie italiane di destinare grosse cifre alle spese extra come i saldi. Anche perché i saldi arrivano, come sempre, dopo le festività natalizie, una circostanza che limita ulteriormente la corsa agli acquisti, almeno nel periodo iniziale. Gli acquisti più ingenti si concentreranno infatti nel periodo finale, quando gli sconti arriveranno fino al 50-60%'' spiega Mauro Belli, presidente provinciale Adoc. Che continua.

''E’ importante rilevare che, almeno secondo le nostre stime, circa il 25% dei consumatori effettuerà acquisti a saldo online. Un dato che non sorprende, vista la crescita esponenziale dell’e-commerce. Che, ricordiamo, è un settore che riesce a fare affari tutto l’anno rispetto ai negozi fisici, dato che sul web è sempre possibile approfittare di sconti e offerte, in media del 10-15%''.


loading...





Facebook Twitter Rss