ANNO 8 n° 320
Sgarbi, la maggioranza perde i pezzi
Fuori Vettori, il Movimento popolare 2.0 al sindaco: ''Chieda scusa ai cittadini''
14/09/2018 - 02:19

SUTRI – L’inaugurazione di Palazzo Doebbing per un giorno metterà tutti d’accordo. Questo è certo. Come è altrettanto certo che i vènti di burrasca sull'amministrazione Sgarbi sono tutt’altro che passati. L’operazione messa in piedi dal sindaco con l’apertura di quello che egli stesso ha definito il più bel museo della Tuscia (oggi è prevista l’inaugurazione alle 17 e domani l’apertura al pubblico) non può che far bene a Sutri. E di questo tutti ne sono consapevoli. Ne è convinta anche quella parte della maggioranza che, nonostante ciò, ha deciso di far venire meno il sostegno a Sgarbi.

Sebbene il critico d’arte abbia assicurato su qualche media nazionale che la crisi politica “che sembrava così insidiosa, si è ricomposta, come se non ci fosse mai stata. E le tensioni diventano come calore di fiamma lontana”, i fatti delle ultime ore raccontano tutt’altro.

Il consigliere del Movimento Popolare di Sutri, Alessio Vettori, è uscito dalla maggioranza di governo e costituirà gruppo a parte in consiglio comunale. Ad annunciarlo in una lunga lettera ai cittadini è lo stesso Movimento Popolare di Sutri.

''A tre mesi dall’insediamento dell’amministrazione Sgarbi siamo costretti, nostro malgrado, ad ammettere che ci eravamo sbagliati e ce ne scusiamo con tutti coloro che ci hanno sostenuto. Gli elementi fondamentali su cui si doveva tener in piedi la squadra che ha vinto le elezioni e cioè la condivisione e la collegialità sono stati da subito 'calpestati'; i consiglieri di maggioranza e gli assessori sono stati ridotti a dei semplici “esecutori” degli ordini''.

Il Movimento Popolare di Sutri passa ad elencare una serie di provvedimenti adottati dal sindaco ''senza confrontarsi quasi con nessuno'', oppure ''mal consigliato da qualche vecchio politico sutrino in cerca di riscatto'', come l’inversione del senso di marcia veicolare nel centro storico con l‘ingresso dei mezzi da via IV Novembre. ''Mai decisione può essere più disastrosa per i cittadini sutrini – dice il Movimento di Vettori - presa peraltro, senza i pareri dei responsabili dei servizi, (che arriveranno poi negativi nelle settimane successive) e soprattutto senza condividere la scelta con i commercianti e i residenti del centro storico''.

Il Movimento, che sollecita il sindaco a chiedere scusa alla città, elenca poi le priorità annunciate da Sgarbi: l’apertura di Palazzo Doebbing, togliere tutti i vasi di plastica dal paese, anche dei privati, installare i vasi di Deruta e intitolare vie a personaggi famosi.

''Se a tre mesi dall’insediamento – continua il gruppo di Vettori - ancora non si è riusciti a condividere e dare priorità alla salubrità dell’acqua, non si è riusciti a condividere e ad affrontare il tema della corretta gestione dei rifiuti, non si è parlato e data priorità al sociale, non si sono stabilizzati gli uffici con la nomina dei relativi dirigenti e non si è ancora nominato un segretario comunale stabile, riteniamo che non ci possono essere altre priorità''.

Sul fronte della minoranza, Lillo di Mauro in un post su facebook osserva che: ''dimissioni di consiglieri dalla maggioranza alla.minoranza non possono passare inosservati come se nulla fosse, sono fatti gravi che devono essere affrontati per capire se ci sono ancora le condizioni per proseguire la consiliatura o tornare tutti a casa e ritornare alle urne il prima possibile senza indugi perché ci sono problemi gravi che devono essere affrontati e risolti''.






Facebook Twitter Rss