ANNO 7 n° 202
Sconti tutto l’anno con
la “Carta Viterbo Sociale”
Aumenterà il potere d’acquisto di anziani, neo mamme e cittadini dal reddito basso
13/08/2012 - 13:14

VITERBO - Si chiama “Carta Viterbo Sociale”, è prepagata, a costo zero per i cittadini, nominativa, ricaricabile e ai possessori garantisce una serie di sconti presso tutte le attività merceologiche che vorranno aderire all’iniziativa. E’ questa l’iniziativa dell’amministrazione comunale per cercare di far fronte alla crisi economica e dare aiuto alle fasce di popolazione economicamente e socialmente più deboli.

L’idea, dietro alla quale c’è un lavoro di almeno due anni, è partita dall’assessorato ai Servizi Sociali ed è stata fatta oggetto di delibera di giunta. “In un tale contesto - è scritto nell’atto dell’esecutivo - caratterizzato da un aumento della pressione fiscale e perdita del potere di acquisto da parte dei cittadini, il comune di Viterbo intende offrire un supporto materiale in favore delle persone in condizioni di disagio economico e sociale realizzando un progetto volto a sostenere alcune delle categorie sociali più fragili”.

Destinatari di questa carta saranno i residenti in pensione, le neo mamme con bambini dagli zero ai tre anni, chi percepisce redditi inferiori a 6.250 euro (l’equivalente di una pensione minima Inps) e gli eventuali altri soggetti individuati dall’amministrazione comunale. Il progetto avrà una durata di 48 mesi consecutivi e una duplice finalità: consentire ai pensionati di ricevere sulla carta in modo volontario l’accredito della pensione e di altri contributi pubblici in modo conforme alle recenti direttive in ordine alla circolazione del denaro; aumentare la capacità di spesa dei titolari della carta grazie alle convenzioni che verranno stipulate per garantire condizioni di maggior favore sugli acquisti.

L’emissione, la gestione e la distribuzione della carta sarà affidata all’operatore economico che vincerà l’apposita gara bandita a giorni dall’amministrazione comunale. E sarà sempre lo stesso operatore, a proprio carico, a dover individuare, nei vari settori merceologici, i soggetti economici che aderiranno al progetto accettando di praticare gli sconti.

“Siamo davvero soddisfatti - dice l’assessore alle Politiche Sociali Daniele Sabatini -, abbiamo raggiunto un obiettivo strategico e di mandato che porterà un grande sollievo alle fasce deboli della popolazione. Una risposta doverosa, una misura straordinaria che incide direttamente sul reddito delle famiglie. Con questa carta, grazie alla scontistica, alzeremo la sfera reddituale attraverso un maggiore potere d’acquisto. Adesso mi aspetto - conclude l’assessore Sabatini - che gli Istituti di credito e tutti i soggetti che aderiscono al Fondo Interbancario di tutela dei Depositi o al Fondo Nazionale di Garanzia, o in alternativa i soggetti la cui maggioranza del capitale sociale dell'ente o della società sia direttamente o indirettamente dello Stato, prestino grande attenzione a questa iniziativa e partecipino attivamente alle procedure per l’individuazione del soggetto emittente, distributore e gestore delle carte”.


loading...





Facebook Twitter Rss