ANNO 9 n° 290
Sarà rito abbreviato per Ermanno Fieno
Omicidio di Santa Lucia, il 44enne avrà diritto ad uno sconto di pena
07/07/2018 - 06:16

VITERBO – Sarà rito abbreviato per Ermanno Fieno. Il 44enne accusato dell’omicidio volontario della madre Rosa Franceschini, ritrovata cadavere insieme al marito all’interno del loro appartamento, verrà processato con un rito alternativo, così come richiesto dal suo legale, l’avvocato Roberto Massatani.

La conferma dalla Procura nelle scorse ore: salterà l’udienza in Corte d’Assise già fissata per il prossimo 24 settembre, a giudicare Fieno sarà il gip Savina Poli, la stessa che, all’indomani del suo fermo al confine con la Francia, ne convalidò l’arresto.

Grazia alla scelta del rito abbreviato, il 44enne, in caso di condanna, avrà diritto allo sconto di un terzo della pena. Una scelta quasi obbligata dopo la confessione del delitto della 77enne: Ermanno, durante un interrogatorio in carcere lo scorso 8 marzo, confessò agli inquirenti l'omicidio della donna. Il padre, Gianfranco, 83 anni, invece morì per cause naturali come accertato dal'autopsia.

A dare l’allarme della scomparsa dei due coniugi il fratello e la sorella del 44enne, allarmati dal prolungato silenzio dei genitori. Poi la tragica scoperta: avvolti nel cellophane e distesi sul letto, al primo piano del palazzo in via Santa Lucia, i loro corpi, esanimi.

Dopo una rocambolesca fuga durata alcune ore, Ermanno Fieno è stato fermato dalla polizia di frontiera di Ventimiglia. Poi il trasferimento a Mammagialla, in cui è recluso dallo scorso 24 dicembre.






Facebook Twitter Rss