ANNO 9 n° 16
Salento: la vacanza perfetta per chi vuole rilassarsi, ma anche visitare
01/12/2017 - 14:57

La penisola salentina è una delle mete più apprezzate e gettonate per le vacanze estive, ma non solo. La sua costa, lunga ben 200km, ospita alcune fra le più belle spiagge d’Europa. Parte di esse guardano al Mar Ionio e altre all’Adriatico. Fra le spiagge splendide e le dune si ergono costiere rocciose capaci di creare paesaggi da cartolina indimenticabili. L’acqua è pulita e cristallina, come si trova altrove solo di rado. Grazie a questa località, insomma, agli italiani non occorre andare in capo al mondo per avere un mare da sogno come le Maldive, basta venire in Salento.

La bellezza del luogo potrebbe essere già motivo sufficiente per recarvisi, tuttavia qui non c’è solo questo. Questa zona della Puglia è stata centro di attraversamento e di occupazione di popoli diversi durante i millenni ed ognuno di loro ha lasciato notevoli impronte di importanza storica, culturale, archeologica. Scegliere quindi come meta il Salento significa coniugare una vacanza all’insegna del mare, del sole e del relax, con qualche visita culturale molto significativa.

Impronte antiche nella terra salentina

Nella zona del Salento, fra una giornata di mare e l’altra, è possibile visitare alcune delle più significative testimonianze di epoca preistorica, come ad esempio le caverne della Grotta dei Cervi, che si trovano a Porto Badisco. Qui si possono ammirare pitture rupestri di vita quotidiana e altre rappresentazioni uniche nel loro genere. A Maglie si trova invece il Museo di Paleontologia e Paletnologia, che ospita una raccolta di pezzi famosi in tutto il mondo. In tutto il territorio, a macchia di leopardo, si possono anche visitare le numerose strutture di dolmen e menhir, ovvero grandi pietre infisse nel terreno, forse anticamente con funzione funeraria o religiosa.

Lungo le coste pugliesi della zona, in cima a rocce imponenti che si affacciano a strapiombo sul mare, ci sono diverse torri di vedetta e paesini che si affacciano verticali sul mare, a testimonianza di una storia e una tradizione millenaria. I centri storici sono particolarmente caratteristici: borghi che sono in grado di incantare e avvolti da un’atmosfera magica, arricchita da suggestive viste sulla costa. Qualche esempio? Si va dai centri grandi di Gallipoli, Lecce, Otranto, di rilevanza storico-artistica, ai piccoli borghi, come Acaya, il paese fortificato; Santa Cesarea Terme, con le numerose ville nobili; Castro, l’antico borgo dei pescatori; Calimera, di chiaro stampo greco e molti altri.

Consigli su come muoversi e dove alloggiare in Salento

Per visitare al meglio la penisola salentina e le sue bellezze storico-culturali e per andare alla scoperta delle sue varie spiagge meravigliose, la cosa migliore è scegliere un punto strategico in cui alloggiare. Tutto dipende dai punti di interesse da visitare scelti dalla comitiva. Chi comunque non vuole privarsi di un bagno nel mare di prima mattina, sarebbe meglio optasse per una località sulla costa, così da non dover prendere l’auto.

Chi invece preferisce partire ogni mattina alla scoperta di nuove avventure, potrebbe preferire un punto di appoggio più periferico, fuori dal caos. I gruppi che vogliono una vacanza a 360° sia di giorno che di notte, potranno invece scegliere un alloggio in qualcuna delle città maggiori, per avere a disposizione un’ampia scelta di attività anche nelle ore notturne. Per trovare l’alloggio ideale, è possibile selezionare su www.salentoviaggi.it la voce Servizi, per avere l’elenco delle strutture che rispondono ai propri parametri di ricerca.

 






Facebook Twitter Rss