ANNO 9 n° 349
Aggressione dopo il concerto a Vignanello, assolti i quattro ragazzi
Imputati per lesioni, erano finiti alla sbarra dopo i fatti del 20 marzo del 2015
13/11/2019 - 06:43

VIGNANELLO – (b.b.) In tre erano rimasti feriti a seguito di una aggressione avvenuta nella notte tra il 20 e il 21 marzo del 2015 a Vignanello, nel centro storico del paese, dopo il concerto di una band. Trasportati in ospedale con delle lesioni da arma da taglio, se l’erano cavata con prognosi di sette e dieci giorni.

A finire alla sbarra con l’accusa di lesioni gravi quattro giovani viterbesi. Due ragazzi e due ragazze di età compresa tra i 19 e i 27 anni, che secondo la Procura, avrebbero colpito i tre giovani al culmine di una lite legata forse a motivi politici. Da una parte militanti di estrema destra, dall’altra attivisti di sinistra che sarebbero arrivati alle mani, trasformando una tranquilla serata di musica in una notte di sangue.

Ad intervenire sul posto, poco prima della mezzanotte, oltre al personale sanitario del 118 per medicare i feriti, anche i carabinieri di Civita Castellana. Sarebbero stati i componenti della band, durante l'esibizione sul palco, ad accorgersi che fuori stava accadendo qualcosa. Secondo quanto raccontato, all’improvviso un flusso di gente si sarebbe riversata fuori dal locale: prima delle urla, poi l'aggressione armata. Per cui in quattro sono finiti a processo.

Ieri, a distanza di anni da quei fatti, per tutti gli imputati, difesi dagli avvocati Domenico Gorziglia, Claudia Polacchi ed Enrico Zibellini è arrivata l’assoluzione da ogni accusa. Assolti per non aver commesso il fatto.







Facebook Twitter Rss