ANNO 8 n° 320
Rimborsi, Luigi Di Maio:
''Bernini tra i virtuosi''
Il leader M5S sul deputato viterbese: ''Ha donato oltre 334.398 euro''
14/02/2018 - 21:44

VITERBO - ''Massimiliano Bernini è tra i parlamentari virtuosi''. Luigi Di Maio nella tarda serata di oggi si presenta ai giornalisti e fornisce una doppia lista: di chi ha versato di più nel fondo per le piccole e medie imprese e chi nelle restituzioni è ''moroso''. Il deputato viterbese, finito inizialmente nella lista degli accusati di aver falsificato i bonifici (clicca QUI per leggere la notizia), in realtà è tra i virtuosi. ''Tra le persone che si sono distinte di più per le donazioni del proprio stipendio al fondo per il microcredito alle imprese, al fondo d'ammortamento per i titoli di Stato - ha detto stasera Di Maio - ci sono Massimiliano Bernini che ha donato 334.398,28 euro e Luigi Gallo''. Su Massimiliano Bernini, Di Maio ha specificato che già diverso tempo fa il deputato aveva provveduto a segnalare i suoi errori sui bonifici e di averli ripianati prima che venisse fuori questa vicenda.

Lo stesso deputato, dopo il servizio delle Iene, aveva annunciato ieri in un post sul suo profilo facebook querela alla trasmissione Le Iene. ''Apprendo che il mio nome è stato inserito tra coloro che hanno 'falsificato le restituzioni'. Sto cercando di caricare gli storici della Banca Etica in formato pdf sul mio profilo Facebook per dimostrare la mia totale estraneità ai fatti che mi vengono imputati. Ad oggi – si è difeso – ho riconsegnato (come donazione volontaria): 18.884,55 euro al fondo per l'ammortamento dei titoli di stato e 315.607,62 euro sul conto statale per il microcredito alla piccole imprese. Per un totale di 334.492,17 euro. In questi 5 anni non ho mai mancato o falsificato un bonifico''. Di Maio conferma. Nella lista dei ''morosi'' figurano Ivan Della Valle, Girolamo Pisano, Maurizio Buccarella, Carlo Martelli, Elisa Bulgarelli, Andrea Cecconi, Silvia Benedetti, Emanuele Cozzolino ''che non hanno mantenuto le promesse - ha detto Di Maio - e che si autoescludono dal Movimento''.






Facebook Twitter Rss