ANNO 9 n° 230
''Rifiuti da Roma, Coppari sostenga Arena contro la Regione''
Noi per Vetralla appoggia la proposta di impugnare l'ordinanza
17/07/2019 - 15:21

VETRALLA - Riceviamo e pubblichiamo:

''Con il presente documento per le ragioni sotto descritte, il gruppo consiliare “Noi per Vetralla” chiede al Sindaco Coppari di sostenere e stimolare concretamente la decisione del Sindaco di Viterbo Giovanni Arena affinché impugni l’ordinanza della Regione.

In conseguenza dell'emergenza rifiuti della Capitale e con la conseguente ordinanza della Regione Lazio che prescrive che anche le altre province del Lazio si facciano carico dell’immondizia della capitale, si sta determinando una situazione particolarmente pericolosa per i comuni della Tuscia. Considerando che la discarica di Casale Bussi ove è stato ordinato di accogliere anche i rifiuti di Roma, è la stessa che serve il bacino della provincia di Viterbo per 300.000 abitanti ai quali vanno aggiunti i 150.000 del reatino.

Attualmente, l'immondizia del Comune di Vetralla viene conferita nello stesso impianto in cui sono dirottate le eccedenze romane e se la situazione dovesse protrarsi, genererebbe una vera e propria emergenza. È nostra opinione che è giunto il momento che tutte le parti in causa, la Provincia di Roma e la Regione Lazio si adoperino concretamente per risolvere questo annoso problema che non può essere affrontato e risolto con soluzioni d'emergenza scaricando il problema e non solo questo, sul territorio della Tuscia così come sta accadendo.

Considerato inoltre che detta discarica sta giungendo con maggior rapidità verso l’esaurimento e che tale ormai prossima condizione è attestata anche dalle procedure per l'innalzamento degli argini della stessa. Considerato che per tale aumento di volume d'invaso sul quale si sono già espressi negativamente sia il Comune di Viterbo che L'Arpa Lazio con due pareri che sottolineano e denunciano un problema di carattere ambientale ancora tutt'altro che chiarito e risolto.

Considerato che il perdurare degli effetti dell'ordinanza della Regione Lazio che ordina il conferimento anche dei rifiuti romani determina un carico enorme di rifiuti che si riversano su Viterbo e provincia, determinando così una situazione drammatica, anche a livello economico, visto che bisognerà individuare altri siti di conferimento che certamente saranno più lontani e che comporteranno un inevitabile aumento dei costi.

Considerando infine che la sua Amministrazione Sindaco Coppari è dal 2016 che applica un aumento per quanto riguarda la Tari senza peraltro che il nuovo servizio di raccolta porta a porta sia mai partito.

Quindi in conclusione onde evitare ulteriori salassi per i cittadini vetrallesi, dovuti al sicuro aumento dei costi per il conferimento in altri siti di smaltimento più lontani da quello ormai in esaurimento situato a Viterbo, chiediamo come gruppo consigliare “Noi per Vetralla” di stimolare e sostenere concretamente l'intenzione del Sindaco di Viterbo Giovanni Arena nell'impugnazione dell’ordinanza della Regione.

Gruppo Consiliare Noi per Vetralla - Giulio Menegali Zelli Iacobuzi

 






Facebook Twitter Rss