ANNO 9 n° 230
Reddito di cittadinanza, 7mila domande dalla Tuscia
Nel Lazio solo dal Reatino sono arrivate meno richieste
28/06/2019 - 00:53

VITERBO - Sono circa settemila le domande presentate da uomini e donne della provincia di Viterbo per ottenere il reddito di cittadinanza. Le richieste per poter accedere al provvedimento che aiuta a fermare il fenomeno della povertà sono diminuite gradualmente nei mesi, senza mai ottenere però un vero e proprio boom. Ad incidere sulle numero delle domande - anche a livello nazionale - sembrerebbero esserci soprattutto due fattori: le clausole introdotte per ottenere il diritto e le somme mensili inferiori alle aspettative.

I dati che abbiamo elaborato – spiegano dalla Uil di Latina che ha effettuato l'ultimo calcolo – collocano il capoluogo pontino al primo posto nel Lazio (dopo Roma ndr). Dietro troviamo Frosinone, Viterbo e Rieti, rispettivamente con 12.773, 6.907 e 3.636 richieste''.

In Italia sono oltre un milione le persone che hanno provato a ricevere un sostentamento dal Governo. Soltanto nel Lazio ammontano a 118.644 unità. Colpisce la fascia di età, quella tra i 40 e i 67 anni, che sì è maggiormente appoggiata a tale misura con oltre 768mila richieste, rispetto alle 298 mila dei cittadini tra i 25 e i 40 anni.

A differenza di quanto accade nel resto del Paese, nel Lazio e nella Tuscia a richiedere il sussidio sono soprattutto le donne (circa il 52%). Da quanto emerso dai Caf, si tratta perlopiù di italiani o comunitari, e solo in minima parte gli extracomunitari. E purtroppo non sarebbero solo i disoccupati a richiedere il sussidio, ma anche chi un lavoro ce l'ha ma non guadagna abbastanza da poter avere un reddito sufficiente ad arrivare alla fine del mese.






Facebook Twitter Rss