ANNO 9 n° 293
Rapinata la gioielleria Bracci
Hanno agito a volto coperto e con pistola alla mano. Trovata l'auto della fuga
14/03/2018 - 14:05

VITERBO - Rapinata oggi la gioielleria Bracci all'angolo tra piazza Verdi e Corso Italia. Il colpo è avvenuto poco prima della pausa pranzo. In due, a volto coperto e a mano armata, sono entrati nel negozio e si sono fatti consegnare il bottino, minacciando, pare, il personale con una pistola. Quindi sono fuggiti a bordo di un'auto dove ad attenderli, con tutta probabilità, c'era un terzo complice. Immediato è scattato l'allarme e i posti di blocco della forze dell'ordine lungo le principali arterie di fuga. Sul posto sono intervenuti gli uomini della squadra mobile, della scientifica e i carabinieri del nucleo radiomobile.

L'auto usata dai malviventi è stata rivenuta poco dopo il colpo, nei pressi dell'uscita di Soriano, in direzione Orte. Qui la banda potrebbe aver proseguito la fuga a piedi o, come più probabile, potrebbe esserci stato un altro complice ad attenderla su un'altra auto. La vettura usata dai rapinatori per la fuga, un'Alfa Romeo, è stata posta sotto sequestro e portata presso il comando provinciale dei carabinieri dove sono in corso i rilievi scientifici alla ricerca di elementi utili per risalire all'identità della banda.

Dino Bracci, il proprietario della gioielleria, intanto rassicura e ringrazia amici e clienti. ''Stiamo tutti bene e non abbiamo subito nessun danno – scrive in un post su Facebook con tanto di foto –. Grazie per esserci vicino e per l'interessamento e preoccupazione dimostrata! Grazie anche a tutti coloro che sono intervenuti tempestivamente per aiutarci ed allertare le forze dell'ordine. Saremo operativi in men che non si dica! (La spalla me la sono lussata sugli sci)''.

Facebook Twitter Rss