ANNO 8 n° 292
''Presepe vivente: successo straordinario''
Il ringraziamento del sindaco per la rappresentazione che ha visto 200 figuranti
10/01/2018 - 16:31

BOLSENA - ''Uno straordinario e meritato successo quello ottenuto dalle due rappresentazioni del “Presepe vivente della città di Bolsena', appuntamenti indubbiamente impegnativi per gli oltre duecento figuranti dell’Associazione “Corte dei Miracoli''.

A dirlo è il sindaco Paolo Equitani che sottolinea come il presepe vivente si vada ''a collocare prepotentemente tra le principali attrazioni natalizie della Tuscia, come dimostrato dall’elevatissima presenza di pubblico che ha letteralmente invaso il Quartiere Castello.

Gli oltre 200 figuranti nei meravigliosi costumi dell’epoca hanno fatto rivivere ai visitatori momenti di vita quotidiana con scene ricostruite in vicoli, cantine e stradine del Quartiere Castello''.

''Un percorso straordinariamente realistico - aggiunge il sindaco - che ha fatto immergere il visitatore nell’atmosfera del tempo che fu. Questa macchina organizzativa che viene perfezionata ogni anno ha visto la partecipazione di elettricisti, tecnici audio, artigiani locali e lavoratori generici che volontariamente si sono impegnati, nel creare un giusto contesto storico, completato dalla presenza di animali domestici come cavalli, asini, pecore, capre, galline, conigli e pesci''.

Equitali sottolinea che ''grazie ad imprenditori, commercianti, agricoltori e pescatori che hanno messo a disposizione le loro produzioni, è stato possibile assaporare lungo il percorso prodotti della tradizione locale come bruschette, caldarroste, formaggi, salsicce, la tipica zuppa di lago nota come “sbroscia” e vin brulè a volontà''.

''Importante è stata anche la presenza delle truccatrici della Croce Rossa Italiana, che con grande professionalità hanno trasformato semplici cittadini in personaggi storici indimenticabili- aggiunge il sindaco - Per l’occasione, tanti anche i mestieri messi in scena, dal fabbro al falegname ai venditori di stoffe alle filatrici di lana al cestinaio alle lavandaie e tanti altri, e non potevano certo mancare il lebbrosario, l’accampamento dei soldati romani, la tenda araba, il luogo del censimento, artisti itineranti e ovviamente, la dolcissima Natività ed i Re Magi.

Un sottofondo musicale ha accompagnato i visitatori lungo l’intero percorso e sullo sfondo la magica cornice della Rocca Monaldeschi che, imponente, ha ospitato quest’anno una luminosa stella cometa''.

''A me - conclude il sindaco - spetta il gradito compito di ringraziare tutti i partecipanti per i meravigliosi spettacoli che hanno messo in scena e per averci fatto rivivere una stupenda Natività, riconfermando l’impegno dell’Amministrazione Comunale a sostenere questa iniziativa divenuta ormai patrimonio culturale della nostra città''.

 






Facebook Twitter Rss