ANNO 8 n° 198
Presentato il bando “Nuove Generazioni”
60milioni di euro per progetti di contrasto alla povertà educativa minorile
11/01/2018 - 18:21

VITERBO - “La diversità fa parte dell’esistenza. Gli adolescenti sono l’enfasi assoluta della diversità”. Parole di Don Antonio Mazzi. Il presidente di Exodus ha partecipato il 9 gennaio, al Centro Culturale di Valle Faul di Viterbo, all’incontro con Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione con il Sud, per la presentazione del bando “Nuove Generazioni” dell’impresa sociale “Con i Bambini”. Padrone di casa Mario Brutti, presidente della Fondazione Carivit che ha promosso l’iniziativa.

“Nel nome dell’educazione – ha detto Don Mazzi, in apertura dell’incontro – abbiamo cercato in ogni modo di eliminare la diversità negli adolescenti. E invece più diversi e più matti sono e più mi piacciono. Non possono stare seduti nei banchi per cinque, sei ore al giorno. I banchi, così come le cattedre, le lavagne vanno abolite. Va ripensato il modo di comunicare con loro. Vanno lasciati liberi di esprimere se stessi, per quello che sono. L’uniformità è brutta. La diversità è bella”.

Spazio poi al presidente della Fondazione con il Sud. Borgomeo ha illustrato il bando “Nuove Generazioni” rivolto ai minori di età compresa tra 5-14 anni, con scadenza il 9 febbraio, che mette a disposizione 60milioni di euro e si rivolge agli enti di terzo settore e al mondo della scuola con l’obiettivo di realizzare progetti di contrasto alla povertà educativa minorile. Ha poi spiegato come è nata la Fondazione con il Sud e è stata scelta dall’ACRI, l’Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio, quale soggetto attuatore delle sperimentazioni per il contrasto alla povertà educativa. Infine ha risposto alle domande dei tanti rappresentanti delle varie realtà del terzo settore che operano nella provincia di Viterbo.

Soddisfazione del presidente di Fondazione Carivit Brutti: “La sala conferenze era gremita, segno evidente dell’estrema importanza dell’argomento. È stato un piacere e un onore avere ospiti Don Mazzi e il presidente Borgomeo. La Fondazione Carivit ha aderito nel 2016 al “Fondo contro la povertà educativa” perché rappresenta uno strumento eccezionale di contrasto alla povertà minorile formativa ed educativa. Una zavorra che condiziona ancora oggi la vita di migliaia di bambini e giovani”.






Facebook Twitter Rss