ANNO 9 n° 199
Premio letterario Alvaro-Biagetti: vince Nicoletta Bortolotti
Il sindaco: ''L'iniziativa ci ricorda che il nostro è un paese di persone perbene''
02/05/2019 - 15:10

VALLERANO -Il Comitato Direttivo del Premio letterario Corrado Alvaro e Libero Bigiaretti presieduto da Giorgio Nisini, ricevuti i voti della Giuria Scientifica e della Giuria Popolare, si è riunito nella casa di campagna dei due scrittori e ha decretato che il romanzo vincitore della quinta edizione è Chiamami sottovoce di Nicoletta Bortolotti (HarperCollins). Leonardo Colombati, con il romanzo Estate (Mondadori), ha ricevuto la maggioranza dei voti della Giuria Scientifica, ottenendo la menzione speciale di quest’ultima, come previsto dal bando.

La premiazione si svolgerà sabato 25 maggio 2019 a Vallerano alle 11.00.

Nei prossimi giorni verrà decretato il vincitore del Premio Studenti, assegnato da una rappresentanza di ragazzi e ragazze delle scuole superiori della provincia di Viterbo.

Rivolto a opere edite di narrativa italiana, il Premio è dedicato alla memoria di Corrado Alvaro e Libero Bigiaretti, entrambi sepolti nel locale cimitero di Vallerano, nel cuore della Tuscia viterbese. Il Premio è organizzato dal Comune di Vallerano in collaborazione con l'associazione culturale Officina Mente. Si avvale del sostegno della Uil Scuola e della Ditta Mizzella. Ulteriori informazioni sul sito www.alvarobigiaretti.it

''Quest’anno la manifestazione – dichiara il sindaco di Vallerano, Adelio Gregori – arriva in un momento difficile per il nostro territorio, che è stato al centro di un gravissimo fatto di cronaca di cui è stata vittima una giovane donna. Vogliamo esprimere a lei e alla sua famiglia tutta la nostra solidarietà e vicinanza, augurandoci che la giustizia possa fare rapidamente il suo corso. Il Premio Alvaro-Bigiaretti, che è solo una delle iniziative culturali di Vallerano, ci ricorda che il nostro paese è stato scelto come luogo di residenza da due grandi scrittori del Novecento, che hanno visto e raccontato ciò che siamo davvero, una terra di lavoratori, di artisti e soprattutto di persone perbene''. ''Il fatto che a vincere l’edizione di quest’anno sia una scrittrice – aggiunge il presidente del Premio, Giorgio Nisini - ci sembra un bel segnale per rispondere, alla violenza, con la cultura del dialogo e del rispetto per le donne e per gli altri. Invitiamo tutti gli abitanti di Vallerano, e tutti coloro che vorranno partecipare, alla giornata conclusiva del Premio, prevista il prossimo 25 maggio alle ore 11. Sarà un’occasione non solo per parlare di giustizia, tema a cui è dedicata l’edizione di quest’anno, ma per dimostrare che esistono un paese e un mondo migliori, che credono fermamente che la cultura, i libri, la solidarietà, la costruzione della nostra identità attraverso il confronto con la diversità, siano più forti e affascinanti di qualsiasi violenza''.






Facebook Twitter Rss