ANNO 9 n° 235
Polstrada, Oltre 8mila euro di sanzioni
A Monterosi oltre mille euro per la mancanza di una licenza di inizio attività
04/06/2019 - 11:02

VITERBO - Gli uomini della Polizia di Stato della Squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Viterbo, unitamente a personale dei Distaccamenti di Monterosi e di Tarquinia, si occupa con assiduità delle attività di controllo di tipo amministrativo presso le officine meccaniche, le concessionarie auto, le carrozzerie, gli autodemolitori ed i rivenditori di pezzi di ricambio per autovetture e camion della provincia.

Si tratta di una serie puntuale e meticolosa di accertamenti che spaziano da quelli amministrativi a quelli tecnici e specialistici, per arrivare a sanzioni anche di tipo penale. Il rispetto delle normative legate allo smaltimento dei rifiuti (si pensi, ad esempio, agli olii esausti di un’officina o alle batterie deteriorate e non più funzionanti di un elettrauto oppure alle acque reflue delle autocarrozzerie nelle quali si effettua la verniciatura dei veicoli), ma anche la regolare acquisizione delle autorizzazioni e delle licenze, sono le principali verifiche che gli agenti della Polstrada effettuano nell’ambito di tali attività commerciali.

Nell’ultima settimana del mese di maggio, in particolare, gli operatori della Polizia Stradale hanno posto in essere diversi controlli amministrativi specialistici che hanno interessato: a Castel Sant’Elia, una rivendita di pezzi di ricambio per autovetture priva della prescritta autorizzazione del Sindaco, per cui si è proceduto ad elevare una contestazione pari a 5.164 euro; sulla Via Cassia, ai confini di provincia in direzione di Roma, il titolare di un centro di raccolta di veicoli da demolire è stato sanzionato, con un verbale pari a 1.666 euro, per non aver versato al P.R.A. entro 30 gg. le targhe, il certificato di proprietà e la carta di circolazione di un veicolo radiato; a Monterosi, un’attività di compravendita di auto usate in conto terzi è stata sanzionata con un contesto di 1.032 euro per mancanza della prescritta licenza/comunicazione al Sindaco di inizio attività, nonché con altro verbale pari a 308 euro per non aver predisposto il prescritto registro di “entrata-uscita” dei veicoli dall’attività commerciale.

I controlli e le verifiche proseguiranno in maniera costante e sistematica, al fine di garantire il rispetto della normativa vigente ed assicurando, nel contempo, una leale concorrenza commerciale.

 






Facebook Twitter Rss