ANNO 10 n° 29
''Più rispetto per la storia democratica della città''
Anche il Pd chiede la revoca della sala regia a Casapound
08/12/2019 - 15:56

VITERBO - Riceviamo e pubblichiamo.

''Apprendiamo con stupore che il 13 dicembre l'amministrazione comunale di Viterbo ha concesso a Casapound, movimento formato da chi si definisce 'fascista del terzo millennio' e responsabile della diffusione di un clima di odio e di intolleranza, nonché di fatti gravi di violenza di un non lontano passato, l'importante Sala Regia del Palazzo Comunale.

La sala è luogo simbolo delle istituzioni ed espressione dell'ente pubblico che deve rappresentare la propria comunità tutelandone i valori che sono alla base della nostra Repubblica.

Luogo che non dovrebbe prestarsi ad ospitare iniziative di chi mira a dare una visione distorta di un tema tanto delicato quanto quello dell'accoglienza.

I progetti Sprar, di cui i militanti di Casapound intendono pretestuosamente 'snocciolare numeri e costi' sono tra l'altro servizi di accoglienza istituzionale a cui lo stesso Comune di Viterbo prende parte.

La nostra città ha bisogno di momenti di confronto costruttivo, di azioni che stimolino ciò che la nostra comunità è sicuramente in grado di esprimere: solidarietà, rispetto, integrazione, coesione, aspetti tutti che identificano l'umanità come valore universale.

Chiediamo quindi al sindaco di Viterbo di ripensarci e di ritirare al più presto la concessione data a Casapound.

Non possiamo consentire che un luogo istituzionale diventi casa di chi ogni giorno mira a far sgretolare i valori antifascisti di solidarietà ed uguaglianza su cui si basa la nostra Costituzione''.

Patrizia Prosperi, coordinatrice circolo Pd Viterbo

Manuela Benedetti, candidata segretaria provinciale Pd Viterbo

 






Facebook Twitter Rss