ANNO 9 n° 294
''Operazione Stazioni sicure'', 1115 persone identificate e 4 denunciate
Il bilancio dei controlli effettuati dalla polizia ferroviaria in tutto il Lazio
05/10/2019 - 16:00

ROMA - 1115 persone identificate, 4 denunciati in stato di libertà; 5 le contravvenzioni contestate in materia ferroviaria, 220 bagagli controllati.

Tali controlli, effettuati con l’utilizzo di metal detector e di smartphone hanno interessato complessivamente 52 Stazioni Ferroviarie del Lazio con l’impiego di 185 operatori della Polizia Ferroviaria. Nella Stazione di Roma Termini i controlli sono stati effettuati anche con l’ausilio dei cinofili della Polizia di Stato

Questo è il bilancio dell’attività posta in essere dal Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Lazio nell’ambito dell’Operazione Stazioni Sicure svolta nella giornata 1 ottobre scorso, promossa su scala nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria ed incentrata sul rafforzamento delle attività di controllo straordinario del “ territorio ferroviario”.

In particolare, le pattuglie in servizio presso il Reparto Operativo di Polizia Ferroviaria di Roma Termini, hanno denunciato in stato di libertà due cittadini italiani di 21 e 19 anni per rifiuto di generalità e un cittadino rumeno, di 35 anni per violazione dell’ordine di allontanamento in esecuzione al Decreto indicante “Disposizioni urgenti sul decoro urbano”.

Sempre a Termini la Squadra di Polizia Amministrativa Compartimentale ha proceduto nei confronti di 4 cittadini di nazionalità rumena, 3 in violazione dell’ordine di allontanamento in esecuzione al Decreto indicante “Disposizioni urgenti sul decoro urbano”, con la sanzione amministrativa di 200 euro cadauno.

Ad altro cittadino rumeno è stato notificato l’ordine di allontanamento dalla Stazione essendo stato trovato ad esercitare l’attività di assistenza alla clientela senza le necessarie autorizzazioni.

Il personale del Posto Polfer di Formia ha denunciato in stato di libertà un cittadino rumeno inottemperante al divieto imposto dal foglio di via obbligatorio emesso dal Questore di Latina.







Facebook Twitter Rss