ANNO 10 n° 23
Omicidio Fedeli, anche la Corte d'Assise dice no all'abbreviato per Michael Pang
Al via il processo per l'omicidio di Norveo Fedeli; rigettata anche la richiesta di perizia psichiatrica sul 23enne di origini coreane
13/01/2020 - 13:20

VITERBO - (b.b.) Omicidio di Norveo Fedeli, anche la Corte d’Assise di Viterbo dice no al rito abbreviato per Michael Aaron Pang.

Il 23enne coreano, con passaporto americano, è comparso questa mattina per la prima volta di fronte al tribunale di via Falcone e Borsellino.

Accusato di omicidio a scopo di rapina, per lui sarà processo ordinario.

No anche alla perizia psichiatrica richiesta dalla difesa: su Pang non verranno svolti esami mirati a capire se sia capace di intendere e di volere né se sia in grado di stare in giudizio. 

Era il 3 maggio scorso quando il 74enne Norveo Fedeli venne sorpreso e aggredito dal 23enne Michael Aaron Pang, durante la pausa pranzo all’interno della sua boutique di via San Luca. 

Il ragazzo, grafico pubblicitario di origine sudcoreano ma residente nel Kansas, dopo averlo massacrato a colpi di sgabello, avrebbe trascinato il cadavere dietro alla cassa, lontano dalla vetrina e poi si sarebbe allontanato dal luogo del delitto. Facendo perdere ogni traccia di sé per alcune ore.

Rintracciato il 4 maggio in un appartamento a Capodimonte, sulle rive del lago di Bolsena, venne immediatamente dichiarato in arresto per omicidio.






Facebook Twitter Rss