ANNO 9 n° 178
Oltre il 70% di affluenza per le comunali.
Ora è suspance per i risultati
Alle 14 inizierà lo spoglio. Nel pomeriggio si conoscerà il nuovo sindaco
27/05/2019 - 06:52

di Liliana Scaffa

NEPI - La pioggia battente, il freddo, i piccoli spazi al coperto sulla piazza. Nulla durante la giornata di ieri sembra aver placato il desiderio dei cittadini di Nepi di esprimere il proprio punto di vista sulle elezioni; in particolare per le amministrative che, negli ultimi mesi, hanno suscitato talmente tanto interesse e spaccature politiche, da portare alla formazione di ben cinque liste. Quella del sindaco uscente Pietro Soldatelli, con la lista civica Nepi progetto comune, quella del candidato Nicola Polici, con la lista In movimento per Nepi, quella di Franco Vita con Noi & Voi per Nepi, quello di Alessandra Alimelli con Nepi torna Nepi, e quella di Pier Alfredo Pica con Uniti per Nepi.

Come ad ogni tornata, anche ieri il pullulare dei votanti e dei presunti votati, ha acceso climi di esuberanza e speranza in piazza del Comune e sotto il porticato delle scuole elementari. Un’atmosfera miscelata a quel pizzico di eccitazione che padroneggia qualunque competizione, maggiormente se politica.

Ieri verso le 19 l’affluenza sfiorava picchi percentuali quasi al pari della scorsa tornata elettorale, quando i cittadini di Nepi diedero la propria fiducia al giovane Pietro Soldatelli.

Il popolo degli aventi diritto di 7.511 persone, di cui 3.710 uomini e 3.801 donne in serata era accorso al 62,12%.

Ma a dimostrare ancora la propria presenza elettorale, come sempre, le sezioni del centro storico, con il 75 %. Più restia e disinteressata al voto la sezione dei centri residenziali e case sparse, dove alle 19 si faticava ancora a superare la quota del 50%.

''Sono quelli più arrabbiati. Non ci vengono neanche a votare'' commentava qualcuno, con un pizzico di perfidia, fuori dalle mura delle scuole elementari. Il radunarsi degli opinionisti sotto l’ingresso dell’edificio d’altronde sembrava implacabile, al punto che in più di un’occasione le forze dell’ordine hanno dovuto incitare i cittadini a sciogliere le sedute collegiali per lasciar posto ai nuovi arrivati che, a stento, riuscivano a passare per andare a compiere il proprio dovere.

Ma da commentare evidentemente ce n’era molto visto che dopo cinque anni di mandato Soldatelli la situazione politica locale ha visto fenomeni migratori di gran classe. A partire dalla disgregazione della lista dello stesso Soldatelli, confluita in parte nel gruppo della Alimelli. O ancora, con la medesima dinamica, la vecchia squadra di governo di Franco Vita, che ha visto ben tre dei suoi ex fedelissimi, unirsi al gruppo di Nicola Polici.

Grande novità sembra invece quella di Pier Alfredo Pica, nuovo elemento del panorama politico locale, i cui risultati potrebbero fornire una prospettiva inaspettata della politica nepesina.

Insomma di fronte a questa caleidoscopica offerta politica sarà interessante capire, nelle prossime ore, quanto i cittadini siano stati determinati nelle loro scelte o se, ancora una volta, il nuovo sindaco salirà alla carica per un fortuito pugno di voti.

Oggi alle 14 inizierà lo spoglio per le amministrative, e di certo pioggia o non pioggia i cittadini, ma soprattutto i candidati, saranno tutti là, radunati sotto i loro ombrelli, ad appuntare ad uno ad uno i voti ottenuti, a commentare i risultati attesi, i pronostici azzeccati, fino ad arrivare a scoprire se tutta l’umidità assorbita nelle ultime 48 ore sia valsa la pena, e se finalmente la guida della macchina amministrativa toccherà loro o, ahimè, a qualcun altro.







Facebook Twitter Rss