ANNO 9 n° 343
''No all'ambientalismo spicciolo, sì ad atti veramente ecologisti''
I militanti della ''Fortesa che avanza'' piantano un albero a Sant'Oreste
21/11/2019 - 15:43

Da CasaPound Viterbo riceviamo e pubblichiamo.

VITERBO - ''Difendere le nostre foreste, le nostre radici, il nostro futuro'': questo il testo degli striscioni comparsi in tutta Italia per celebrare la festa dell'albero. I militanti de La Foresta Che Avanza hanno inoltre piantato questa mattina alberi nei luoghi simbolo delle proprie città e dei propri quartieri.

''È doveroso, in quest'epoca caratterizzata dall'ambientalismo spicciolo, compiere atti veramente ecologisti e identitari che guardino al futuro dei nostri territori e delle nostre aree verdi – spiega il movimento – e farlo tenendo presente sia l'atto concreto, ovvero la messa a dimora di un nuovo albero, sia il lato spirituale, ossia prendersi cura dei luoghi simbolo della nostra nazione facendo l'unica cosa veramente rivoluzionaria: mettere a dimora nuove piante tenendo ben presenti e rafforzando le radici del nostro popolo. In un mondo di deforestazioni, delocalizzazioni e ambientalismo qualunquista – conclude il movimento – non vi è azione più importante che difendere le nostre foreste e i nostri spazi verdi: lì sono le nostre radici, da lì nasce il nostro futuro''.







Facebook Twitter Rss