ANNO 8 n° 202
''Nessuno ha detto che questa squadra avrebbe vinto il campionato a gennaio''
Bertotto tuona: ''Concediamo troppo, ma questa è la prima vera sconfitta''
25/09/2017 - 07:03

VITERBO - Prestazione da cancellare per una Viterbese che va pericolosamente contro l'involuzione. Tanti i giocatori non a livello delle prime partite che iniziano a far pensare ad un'illusione iniziale. I fatti per ora parlano chiaro: la Giana Erminio ha conquistato con i gialloblu la prima vittoria stagionale e si conferma la bestia nera, quella che li eliminò al primo turno dei play off. ''Nessuno ha mai detto che questa squadra avrebbe vinto il campionato a gennaio. - tuona Valerio Bertotto in conferenza stampa - Mi assumo le responsabilità di questa prima partita sbagliata molto male. Siamo andati in vantaggio e ci hanno recuperati ed è successo più di una volta in partita: questa è la cosa che mi fa più arrabbiare. Ma non è una disfatta. Continueremo a lavorarci per eliminare le problematiche emerse. Ma è la prima sbagliata. Ho i calciatori e le alternative, ma il problema è mentale. La squadra lavora ed è sempre messa nella maniera corretta, ma spesso c'è l'errore del singolo. E questo va corretto: nel calcio non si può essere morbidi. Noi per fare goal dobbiamo sudarcelo e dobbiamo far sudare gli altri per subirne. Concediamo con troppa facilità''.

E' deluso, ma non del tutto, il mister che aveva già ricordato: ''La Giana è una squadra organizzata con un mister preparato. E' un dato significativo. Noi le avversarie le conosciamo e non sono ammissibili i cali di tensioni per passare, con l'euforia, al relax. Il problema mentale si risolve con il lavoro: dobbiamo esercitarci duramente in difesa. Dobbiamo implementare, il lavoro è quello che facciamo. Mi dispiace, ma riconosco che questa è la prima vera sconfitta. Non stiamo avendo alcun problema, è la prima volta che abbiamo difficoltà perdendo molti duelli. Potevamo riuscire a pareggiarla, ma l'abbiamo persa. Non dobbiamo andare solo con le parole ma anche con i fatti''.





Facebook Twitter Rss