ANNO 9 n° 316
Montefiascone già in clima campionato
Pronti per la nuova stagione, Del Canuto: ''Dobbiamo essere sereni''
11/09/2013 - 04:00

VITERBO – (d.s.) Confermare il campionato dell’anno scorso, regalarsi una serena salvezza. Il Montefiascone resta uguale a se stesso, fedele al compito che si è dato da quando ha raggiunto il massimo campionato di calcio regionale. Fiducia all’ossatura di squadra, alla spina dorsale che fa da chioccia ad una nidiata di under affamati. La società del presidente Minciotti ha confermato alla guida tecnica Stefano Del Canuto che dopo essere subentrato lo scorso anno a Mauro Valentini ha plasmato una squadra da battaglia. Questa estate ha avuto la possibilità di impostare un lavoro differente potendo lavorare sin dalle prime battute con il gruppo che in precedenza ha dovuto prendere in corsa.

La valorizzazione dei giovani è sempre un chiodo fisso della società (l’anno scorso i giovanissimi hanno vinto il campionato di categoria) per preparare i ragazzi al debutto in prima squadra. Questioni di budget non hanno permesso di trattenere Lamorgese, Gimelli, Genovese e Grandoni, ma Del Canuto non si è perso d’animo potendo contare sull’ex Viterbese Raffaele Bellacima che, nonostante sia un ’93, ha già un campionato di serie D alle spalle e aggiunge qualità al pacchetto arretrato, su Renzani e Finocchi (dalla Caninese), su Proietti dall’Orvietana e sul rientro di Michele Venanzi. A loro si aggiunge una manciata di under (classe ’95 e ’96) Nami, Martinelli, Flauto, Balletti, Ceccarini e Luchtner.

Del Canuto ha già impostato la settimana classica di allenamenti in vista della partenza ufficiale della stagione e fa un bilancio del precampionato gialloverde: ''Il lavoro svolto ne complesso è stato positivo – dice – abbiamo inserito dei giovani che l’anno scorso non hanno fatto parte del progetto, ragazzi che non hanno mai affrontato un  campionato difficile come l’Eccellenza. Per questo motivo alcune amichevoli non sono andate al meglio: la squadra aveva bisogno di conoscersi, ci sono stati problemi di assemblaggio. Ma resto fiducioso perché ci sono ottime possibilità di crescita''.

Il calendario propone subito una sfida segnata per il Montefiascone: la trasferta di Rieti. Del Canuto non si spaventa: ''Sulla carta non c’è storia tra noi e loro – sottolinea con onestà – ma il calcio è bello anche per questo motivo. In campo si gioca in undici contro undici e in quei novanta minuti potrebbe accadere di tutto. Noi dobbiamo essere bravi a capovolgere la pressione: il Rieti ne avrà tanta perche hanno immediatamente l’obbligo di fare risultato subito sul loro campo con tanti tifosi che verranno a vedere la partita. La nostra capacità deve essere quella di non intimorirci. Sappiamo che premeranno subito nei primi minuti e non bisogna disunirsi. Dobbiamo giocare di squadra, sfruttando la nostra brillantezza''.

Del Canuto vuole lanciare anche un messaggio alla squadra: ''Chiedo serenità. Noi dovremo affrontare tutte le gare allo stesso modo e prepareremo le partite sempre con la stessa intensità. L’unica cosa che dico è restare calmi e tranquilli''.





Facebook Twitter Rss