ANNO 8 n° 292
Mondo Convenienza, la trattativa
a un passo dalla rottura
L'azienda non vuol fare passi indietro. La Ugl minaccia di rivolgersi a Di Maio
10/10/2018 - 18:45

TARQUINIA - Non arrivano buone notizie per i lavoratori dalla trattativa tra Ugl e Mondo Convenienza. Dopo la chiusura dello store di Tarquinia, avvenuta il 30 settembre, i 19 dipendenti attendono ancora di conoscere il loro destino.

Come riportato dal sito trcgiornale, l'azienda non sembra infatti intenzionata a fare marcia indietro rispetto alla decisione di non ricollocare in ambito regionale i lavoratori. Oltre alla volontà di Mondo Convenienza di mandare in mobilità nelle regioni del nord o del sud Italia le 19 persone coinvolte, il sindacato si è visto negare in più occasioni la richiesta di assegnare i dipendenti tra i vicini punti vendita di Roma, Fiumicino e Ostia.

La Ugl ha anche fatto notare come alla recente apertura di Viterbo, siano state assunte 38 persone, sottolineando come a fronte della situazione economica del punto vendita di Tarquinia, i lavoratori potevano essere certamente aggregati al centro viterbese.

L'organizzazione sindacale contesta inoltre a Mondo Convenienza - che si trova in una situazione economica di tutto rispetto e che in Italia vanta ricavi al passo con il gigante mondiale Ikea - di aver offerto condizioni praticamente inaccettabili: un bonus di 13mila euro netti a scendere, oltre a una riqualificazione di un anno a spese dell’azienda presso un’agenzia di lavoro interinale e ulteriori 1000 euro netti a chi non sarà disponibile, trasformandosi in 2000 per gli ultracinquantenni.

Un trattamento questo che non è proprio piaciuto alla Ugl di Civitavecchia che, qualora la situazione non riuscisse a sbloccarsi nelle prossime settimane, potrebbe addirittura decidere di inviare il caso alla segreteria del Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, per dare alla causa una più ampia eco nazionale.







Facebook Twitter Rss