ANNO 8 n° 319
Mo.Ri. - Pd, una
relazione complicata
Civici col centrodestra a Vetralla e altrove, liste di disturbo a Vitorchiano e Orte
04/05/2016 - 02:01

di Roberto Pomi

VITERBO – Moderati e Riformisti in ordine sparso nei comuni della Tuscia che vanno al rinnovo. L’asse con il Partito Democratico che è centrale per il governo del capoluogo non trova sempre applicazione in provincia. Così nei 21 comuni chiamati alle urne si stanno delineando dei ''casi'' particolari.

A proposito dei legami di questa formazione di civici con i dem va sottolineata la linea dettata già nell’assemblea fondativa dello scorso dicembre, quando venne affermato un concetto chiaro: ''Leali ma non sudditi''. E così la parola d’ordine per le amministrative del 5 giugno, che interessano anche comuni significativi sotto il profilo del numero di abitanti, può essere riassunta nelle parole del coordinatore Alessandro Romoli: ''Non seguiamo una linea di carattere ideologico. L’associazione mette insieme tanti moderati, provenienti in parte dal centrodestra e legati a esperienze amministrative di centrodestra. Quindi seguiamo il criterio di sostenere, dove sono emerse, realtà che si sono contraddistinte per il buon governo dei territori. Il tutto nella più assoluta autonomia e libertà''.

Così l’asse viterbese di alleanza con il Partito Democratico è destinato a saltare in alcuni comuni, in altri Moderati e Riformisti sono protagonisti con liste alternative a quelle del Pd mentre altrove la situazione del capoluogo trova conferma e ripetizione.

Tutto però sarà più chiaro e delineato a partire dalla mattinata di domani, quando il coordinatore Romoli si metterà al lavoro per tracciare le varie righe nei comuni dove i civici sono al lavoro e hanno intenzione di spendersi con dei propri rappresentanti.

L’asse col Pd è destinato a saltare in realtà quali Vetralla, Vasanello, Oriolo Romano e Fabrica di Roma e sembrerebbe anche a Faleria. Nel primo comune, uno dei più significativi tra i chiamati al rinnovo, i Mo.Ri andranno a sostenere la candidatura di centrodestra di Sandrino Aquilani. Qui il ruolo del loro alfiere è rivestito da Francesco Biancucci, assessore uscente. A Vasanello l’endorsment di Romoli per il primo cittadino uscente Antonio Porri conferma il distacco dal Pd. A Oriolo Romano saranno a sostegno dell’ex Udc Stefano Gasperini e quindi in contrapposizione alla lista del Pd che schiera come aspirante sindaco Emanuele Rallo. Su Fabrica di Roma l’appoggio ''moro'' è per il sindaco uscente Mario Scarnati mentre il Pd opterà per un candidato diverso. Su Faleria truppe ''moderate e riformiste'' sarebbero intenzionate a ''impallinare'' il sindaco uscente di centrosinistra Marco Del Vecchio. Queste le situazioni più spinte dove in buona sostanza i Moderati e Riformisti valicano il Rubicone dello schema politico attuato su Viterbo e si collocano nella compagine di centrodestra.

Situazioni a mezza via si andranno invece a concretizzare in realtà come Orte e Vitorchiano. Nel primo caso i Mo.Ri stanno con il Dino Primieri, che corre a capo di una civica staccata dal centrodestra ma pur sempre in contrappozione ad Angelo Ciocchetti sostenuto da una coalizione civica di cui fa parte anche il Pd. Identica la scelta presa a Vitorchiano con l’appoggio e la presenza all’interno della lista che porta Gemini Ciancolini come primo cittadino. Una civica non di centrodestra ma che comunque si pone in maniera alternativa e antagonista alla coalizione comprendente i democratici schierati con Ruggero Grassotti.

Tra i comuni significativi l’unica realtà in cui dovrebbe ripetersi lo schema dell’alleanza Mo.Ri – Pd sembra essere Montefiascone. Dove è data ormai per certa la convergenza dei Moderati e Riformisti su Cimarello.

Uno scenario ricco di anomalie e di contrapposizioni su cui sarà inevitabile, subito dopo il voto, produrre un’analisi e delle valutazioni. In diverse realtà infatti la rottura dell’asse Pd-Mo.Ri potrebbe determinare la sconfitta dei candidati democratici. Un fatto su cui potrebbe essere chiesto conto al segretario provinciale dem Andrea Egidi.






Facebook Twitter Rss