ANNO 7 n° 234
Maico, il prefetto incontra i sindacati
Il 24 agosto la riunione, il sindaco pronto ad un consiglio straordinario
11/08/2017 - 07:02

ORTE – Dopo giorni di proteste, sembra finalmente muoversi qualcosa per i lavoratori della Maico di Orte. Le sigle sindacali (Fillea-Cgil, Filca-Cisl, Feneal-Uil di Viterbo) che hanno preso parte direttamente anche nella mobilitazione di ieri, sono riuscite ad ottenere un incontro con il prefetto D’Angelo in data 24 agosto.

I dipendenti dell’azienda operante ad Orte nel settore dell’edilizia sono in subbuglio da giorni per poter vedere garantiti i propri diritti. Gli operai infatti, lamentano una situazione che va ben oltre il precariato: stipendi pagati con mesi di ritardo, sempre al limite della legalità contrattuale, nessun buono pasto o rimborso spesa, niente rispetto degli accordi sindacali presi. Ma soprattutto il mancato versamento del Tfr, il trattamento di fine rapporto.

''Stiamo provando a muoverci dal punto di vista istituzionale – riferisce Nicoletti della Fillea Viterbo – il prefetto ci ha accordato un incontro per il 24 agosto e alla manifestazione di oggi abbiamo visto la presenza delle autorità dei territori coinvolti, tra cui Orte, Vasanello e Bassano in Teverina. Siamo arrivati ad un punto critico: si parla di acquistare l’azienda, ma se non viene garantita la situazione dei lavoratori, mi chiedo come sia possibile dire che vada tutto bene''.

Il sindaco di Orte, Angelo Giuliani, oltre ad esprimere la sua vicinanza nei confronti delle circa 55 famiglie di lavoratori su tutto il territorio che vivono questo difficile momento, si è detto disponibile a celebrare un consiglio comunale straordinario nel caso in cui l’incontro con il prefetto non dia esito positivo.

''Mi auguro che si trovi dall’imminente incontro con il prefetto – ha dichiarato il primo cittadino di Orte – nel caso in cui la situazione si complichi, dovremo cercare i modi migliori per poter aiutare le famiglie e il nostro territorio. Da parte nostra c’è tutto l’impegno e la volontà di supportare i lavoratori in questo momento difficile. Dopo il 24 agosto, nel caso in cui persino il prefetto non riuscisse a sbloccare questa situazione, chiederemo di svolgere un consiglio comunale straordinario per cercare di capire quali siano le possibili soluzioni per garantire ai lavoratori una adeguata retribuzione e maggiori certezze nella loro attività lavorativa''.






Facebook Twitter Rss