ANNO 8 n° 348
Madonna dei debitori, una raccolta pubblica per restaurare la grotta
17/04/2014 - 02:01

 

BASSANO ROMANO – Chiamatela raccolta pubblica, finanziamento popolare o crowdfounding. Uno strumento largamente utilizzato, che in ambito culturale potrebbe avere grandi prospettive. Così, l'associazione fondazione della Madonna dei debitori ha deciso di lanciare il primo progetto legato alla tela rinvenuta  dallo psicologo e artista romano Gilberto Di Benedetto a Bassano Romano. La grotta che per anni ha custodito il quadro sarà restaurata grazie ad un’operazione di crowdfunding, la raccolta fondi che sta spopolando sul web.
‘’Abbiamo deciso di mettere in piedi questo progetto per restaurare la grotta ed aprirla al pubblico come luogo di culto.  I soldi raccolti grazie al croudfounding  (circa 10mila euro) - ha raccontato Di Benedetto - verranno utilizzati per la messa in sicurezza del luogo che, successivamente, verrà consacrato dal parroco di Bassano Romano e da padre Santucci’’.
L’associazione vuole essere pioniera di questo innovativo strumento di raccolta fondi anche per la sua principale missione: aiutare le persone che per ragioni indiscutibili e obiettive non possono pagare i debiti. Il gruppo di lavoro che porterà avanti il progetto sarà composto da padre Santucci, Giovanni Ciallella, l'avvocato Luigi Fratini (studioso della sindrome del debitore), lo psicologo Massimo Marinelli, Francesca Triticucci e dal professor Benigno Passagrilli. 
Nel frattempo l'associazione lavorerà per chiedere l’indizione periodica di un giubileo fiscale per i debitori, in occasione del quale, le banche e i singoli cittadini dovrebbero azzerare i debiti alle persone che non sono in grado di pagare. 
‘’Rimettere i debiti ai debitori é possibile e giusto se questi non possono estinguerli. – ha spiegato Di Benedetto - E allora, perché non proclamare un Giubileo del debito come accadeva nell'antichità?'. A questo ci penserà il famoso gesuita padre Santucci, che tramite il social network Facebook sta raccogliendo le adesioni per sottoporre la proposta a Papa Francesco. 

BASSANO ROMANO – Chiamatela raccolta pubblica, finanziamento popolare o crowdfounding. Uno strumento largamente utilizzato, che in ambito culturale potrebbe avere grandi prospettive. Così, l'associazione fondazione della Madonna dei debitori ha deciso di lanciare il primo progetto legato alla tela rinvenuta  dallo psicologo e artista romano Gilberto Di Benedetto a Bassano Romano. La grotta che per anni ha custodito il quadro sarà restaurata grazie ad un’operazione di crowdfunding, la raccolta fondi che sta spopolando sul web.

‘’Abbiamo deciso di mettere in piedi questo progetto per restaurare la grotta ed aprirla al pubblico come luogo di culto.  I soldi raccolti grazie al croudfounding  (circa 10mila euro) - ha raccontato Di Benedetto - verranno utilizzati per la messa in sicurezza del luogo che, successivamente, verrà consacrato dal parroco di Bassano Romano e da padre Santucci’’.

L’associazione vuole essere pioniera di questo innovativo strumento di raccolta fondi anche per la sua principale missione: aiutare le persone che per ragioni indiscutibili e obiettive non possono pagare i debiti. Il gruppo di lavoro che porterà avanti il progetto sarà composto da padre Santucci, Giovanni Ciallella, l'avvocato Luigi Fratini (studioso della sindrome del debitore), lo psicologo Massimo Marinelli, Francesca Triticucci e dal professor Benigno Passagrilli. 

Nel frattempo l'associazione lavorerà per chiedere l’indizione periodica di un giubileo fiscale per i debitori, in occasione del quale, le banche e i singoli cittadini dovrebbero azzerare i debiti alle persone che non sono in grado di pagare. 
‘’Rimettere i debiti ai debitori é possibile e giusto se questi non possono estinguerli. – ha spiegato Di Benedetto - E allora, perché non proclamare un Giubileo del debito come accadeva nell'antichità?'. A questo ci penserà il famoso gesuita padre Santucci, che tramite il social network Facebook sta raccogliendo le adesioni per sottoporre la proposta a Papa Francesco. 





Facebook Twitter Rss