ANNO 8 n° 109
M5S e la fondamentale presenza di De Dominicis
Approvate proposte per premiare cittadini virtuosi e creare centri raccolta
19/03/2018 - 10:17

VITERBO - Riceviamo e pubblichiamo da Movimento 5 stelle:

Presenziare in consiglio è davvero 'inutile' come sostiene qualcuno oppure è l'unico modo per contrastare scelte scellerate e provare a far approvare proposte intelligenti?

Per noi ha validità la seconda e, quindi, il nostro impegno prosegue attraverso il nostro portavoce De Dominicis malgrado l’avvicinarsi della scadenza del mandato, anche perché Michelini & c. hanno proposto la discussione sulle linee guida per il prossimo bando per la raccolta dei rifiuti.

Tema importante e scottante negli ultimi anni!

Giovedì scorso De Dominicis ha, per questo, presentato le nostre proposte. Proposte che mirano nello specifico:

alla tariffa puntuale per gli utenti, al fine di premiare i cittadini virtuosi facendo pagare per il quantitativo di rifiuto effettivamente prodotto ( e facendo risparmiare quindi chi ne produce meno);

alla creazione di centri di raccolta per la ridistribuzione di materiali ingombranti riutilizzabili;

all’adesione del comune al progetto “rifiuti 0” volto a migliorare costantemente la gestione dei rifiuti anche riducendo gli imballi all’origine e promuovendo vendita di prodotti alla spina.

Ebbene 'l'inutile' presenza di De Dominicis non solo è stata determinante per l’approvazione di alcune proposte del consigliere Volpi, (anche grazie all'astensione della minoranza ed alcuni voti contrari della stessa maggioranza) ma è servita anche a far approvare due delle nostre proposte tra cui proprio la tariffazione puntuale e la creazione di centri di raccolta e distribuzione di materiali riutilizzabili.

L'impegno del gruppo e quello di De Dominicis proseguirà giovedì prossimo quando chiederemo, innanzitutto, di verificare se un ritorno alla gestione in House del servizio possa determinare un risparmio per l’amministrazione, oltre che rappresentare una migliore gestione dello stesso attraverso il controllo diretto del comune.

Questo sarebbe possibile grazie alla nuova normativa in materia e determinerebbe, come conseguenza, anche una maggiore salvaguardia per i dipendenti della società acquisiti dalla vecchia CEV che avrebbero una precedenza per l’assunzione data sempre dal decreto Madia, invece di poter contare solo sulla norma di salvaguardia sociale che la maggioranza vorrebbe inserire nella delibera ma che, come nel caso dei dipendenti Francigena del settore ''calore'', si potrebbe rivelare molto aleatoria.

Inoltre chiederemo che la gestione del materiale riciclato resti di competenza del comune, al contrario di quanto accadeva sino ad ora, perché siamo convinti che il rifiuto possa e debba diventare un valore per una amministrazione capace di gestirlo come tale invece che come semplice ''rifiuto''.

Non approviamo la scelta di discutere un così importante documento in questo fine mandato, in quanto impegnerà fortemente una nuova ( speriamo) amministrazione che ancora non si è insediata, ma, come sempre, e nonostante tutto faremo il nostro meglio per migliorare una proposta che non rientra nella nostra visione della gestione dei rifiuti poiché lamentarsi da casa o sui giornali, a nostro avviso, è troppo semplice, anche se iniziamo a credere che, forse, porterà un po’ di consenso in più, ma noi preferiamo combattere per le battaglie in cui crediamo anche dentro le istituzioni.

La presenza o assenza di consiglieri di minoranza sarebbe potuta essere determinante per l’approvazione o la non approvazione della delibera visto il caos (ennesimo) della maggioranza. Ma si sà: c’è chi ritiene più utile stare a casa che presenziare in consiglio.

Giovedì si potrebbe ripresentare la stessa situazione e se si è davvero contrari alla proposta sarebbe utile essere presenti nelle giuste sedi per poter votare contro invece di lamentarsi sulla stampa o sui social.

 






Facebook Twitter Rss