ANNO 7 n° 207
L'Union Rugby perde
e retrocede in serie C
La sconfitta di ieri 21 a 26 con la Florentia condanna i viterbesi
01/05/2017 - 13:00

VITERBO - Si presentava ardua l'impresa per gli uomini di Donato Scorzosi. La situazione in classifica, la trasferta, le defezioni dell'ultimo momento per problemi familiari di Pompei e Baiocco facevano sembrare la strada ancora più in salita.

Eppure il Viterbo aveva cullato il sogno dell'impresa, chiudendo il primo tempo in vantaggio 0-15 grazie alle mete di Andreoli e Petroni.

Cambiava purtroppo la musica nel secondo tempo, appannaggio della squadra di casa che prima rimontava e poi andava a vincere con un 26-21 finale che condanna i neroverdi alla retrocessione in Serie C, nonostante un'altra segnatura di Capitan Borgatti.

Manca ancora una partita alla fine del campionato, ma è già aria di considerazioni finali.

E' stata una stagione difficile, in cui la squadra non ha saputo trovare la continuità nei risultati e forse anche negli allenamenti, necessaria per affrontare questa categoria. Si sono alternate prestazioni convincenti, in alcuni frangenti anche esaltanti, a momenti di autentico black out, specialmente mentale e nervoso, che sono costati carissimo. Il cuore non basta se la testa non è lucida. E soprattutto, l'indisciplina si paga.

Molti rimpianti per partite perse di poco, con avversari diretti per la salvezza, che erano ampiamente alla portata.

Ma il passato non è modificabile, si può solo guardare avanti cercando di far tesoro dell'esperienza fatta. Anche se brucia. Nello sport non si può parlare di ''retrocessione immeritata'', non risponde al vero né ai principi dell'agonismo. Purtroppo il campionato ha emesso il suo verdetto. Però...

Anche ieri i ragazzi sono usciti a testa alta dal campo. La maglia è stata onorata fino in fondo, e non sarà certo una retrocessione a ridimensionare la dimensione sociale, culturale e sportiva del Club.

Ci sono le premesse tecniche ed umane affinché il futuro sia più luminoso, ma bisogna lavorare, lavorare, lavorare.


loading...





Facebook Twitter Rss