ANNO 7 n° 322
Lo Gusto de lo Medioevo aumenta i numeri
Partecipanti in crescita del 15% per l’itinerario enogastronomico
17/10/2017 - 09:36

ORTE - Bilancio positivo per la nona edizione de Lo Gusto de lo Medioevo. L’itinerario enogastronomico proposto domenica 15 ottobre dall’Ente Ottava Medievale di Orte ha attirato circa 400 visitatori sulla rupe del centro storico, facendo registrare un aumento del 15% rispetto all’edizione 2016.

Un riscontro numerico che è stato avvalorato anche dalla grande soddisfazione dei partecipanti, che hanno apprezzato sia il menu proposto che lo svolgimento complessivo dell’evento. Oltre alla degustazione dei piatti cucinati dalle varie taverne di contrada, infatti, Lo Gusto de lo Medioevo è anche e soprattutto un giro alla scoperta degli scorci più suggestivi del centro storico di Orte, inframezzato da spettacoli rievocativi a carattere medievale.

Così, tra un piatto e l’altro, i visitatori hanno avuto modo di assistere con tutta calma all’intrattenimento dei menestrelli, al passaggio dei cavalieri in giro per le vie, ai prodotti mostrati dal mercatino in Piazza del Popolo e Piazza Belvedere, alla rievocazione della fattoria a Piazza Pietralata, agli spettacoli degli sbandieratori a Piazza Fratini e alla dimostrazione degli arcieri storici a Piazza Manni. Al termine del giro, in Piazza della Libertà, mercatino a vendere e intrattenimento con musica e danze medievali. E poi, naturalmente, la grande protagonista: Orte, con i suoi splendidi angoli intrisi di storia da scoprire e ammirare.

''Siamo molto contenti – commenta il rettore dell’Ente Ottava Medievale, Massimo Bianconi – La gente è tornata a casa soddisfatta sia della qualità del menu che della bellezza degli spettacoli che abbiamo proposto. Abbiamo aumentato i partecipanti rispetto all’anno scorso, arrivando a una cifra che rispecchia sostanzialmente ciò che ci eravamo prefissati a tavolino: Lo Gusto de lo Medioevo è un evento da godere con calma, assaporando i piatti e ammirando panorami e spettacoli, quindi non è possibile dare spazio a numeri eccessivi di partecipanti per poi fare le cose di fretta. Preferiamo avere qualche turista in meno, ma fare contenti tutti.''

In chiusura, i doverosi ringraziamenti. ''Hanno lavorato tutti benissimo, sia i contradaioli all’interno delle taverne che i volontari in giro per le strade e le piazze. Bisogna ringraziare anche l’amministrazione comunale e la Pro Loco per il supporto. La strada è tracciata, ora bisogna continuare su questa via.''







Facebook Twitter Rss