ANNO 9 n° 342
''Lo giuro'', ecco i nuovi marescialli
Questa mattina la cerimonia presieduta dal colonnello Leonardo Moroni
14/11/2019 - 11:09

VITERBO - Alla Scuola marescialli dell’Aeronautica militare si è tenuta questa la cerimonia di consegna dei gradi ai 114 allievi marescialli del 20° corso normale Altair II.

Presieduta dal comandante delle Scuola marescialli colonnello Leonardo Moroni, la cerimonia si è svolta alla presenza delle autorità civili, militari e religiose di Viterbo: tra gli altri, il sindaco Giovanni Arena, il rettore dell’Unitus Stefano Ubertini, il presidente capo dei sottufficiali dell’aeronautica Donato Chiarello e il rappresentante dei facchini di Santa Rosa Giovanni Aluini, chiamati a premiare gli allievi più meritevoli nel corso della cerimonia.

''L’immissione nel servizio permanente, che segue alla promozione al grado di maresciallo di 3° classe -è stato detto - rappresenta uno dei momenti più importanti per un militare che così assume l’impegno nei confronti dello Stato e delle istituzioni''.

Nel suo discorso il comandante Moroni ha ricordato le attività svolte dai neo marescialli: circa mille ore di lezione frontale, 20 sessioni d’esame, 400 ore di attività ginnico-sportiva, tirocini, attività di tiro a fuoco. A loro l'appello a trasmettere ai giovani allievi e all'esterno la cultura della cittadinanza attiva, il senso dello stato e l’importanza dell’osservanza delle leggi.

Alla benedizione della sciabola e dei gradi da parte del cappellano militare, Pierluigi Martino, è seguita la lettura della preghiera dell’aviatore e il messaggio d’auguri del capo corso Altair I, Giorgio Patera, quindi la simbolica di gradi e sciabole agli allievi più meritevoli: Vincenzo Ariete, Simone Bolzanello, Guidantonio Trusso Forgia, Giuseppe Stallone e Fabio Matteo Bancone.

C'è stata poi la consegna dei gradi da parte dei padrini scelti singolarmente dai vari marescialli. Quindi il rompete le righe.

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA FOTOGALLERY






Facebook Twitter Rss