ANNO 10 n° 28
Lega Pro Girone C: domina la Reggina, la Viterbese deve ritrovarsi
13/01/2020 - 12:03

 

VITERBO - Una sola squadra al campo, che ha dominato un po’ tutto il Girone C della Lega Pro dal momento in cui è partito il campionato. Stiamo inevitabilmente parlando della Reggina, che sta disputando una stagione veramente meravigliosa giunti praticamente a metà campionato. Anche le cifre e le statistiche mostrano in maniera chiara ed evidente quanto sta facendo la squadra

Un bottino di 49 punti in 19 giornate, frutto di 15 vittorie e sole 4 partite perse, con una striscia di cinque vittorie di fila nelle ultime cinque sfide disputate. Insomma, i numeri fanno veramente impressione e servono a spiegare alla perfezione come il percorso della Reggina quest’anno non tema alcun rivale.

I tifosi della Reggina sono fermamente convinti che la squadra riuscirà a fare il salto di categoria e a tornare in Serie B e hanno cominciato anche a scommettere in tal senso. D’altra parte, piazzare una puntata sul calcio, al giorno d’oggi, è diventato decisamente più semplice. È sufficiente trovare un ottimo e proficuo sistema scommesse e poi individuare il portale migliore per inserire le proprie scommesse, magari puntando su qualche bonus di benvenuto o promozione vantaggiosa.

La grande stagione della Reggina, in rialzo le quotazioni di Bari e Potenza

La grande stagione della Reggina non deve comunque far passare in secondo piano anche quello che stanno facendo le più dirette inseguitrici, che comunque si trovano ad una distanza di 10 punti dalla vetta. Stiamo parlando del Bari e del Potenza, a quota 39 e del Monopoli e della Ternana, la seconda coppia a quota 37 punti.

Il Bari arriva con quattro vittorie e un pareggio nelle ultime cinque, mentre il Potenza 12 punti negli ultimi cinque incontri: entrambe le squadre sembrano voler fare tutto quello che è nelle loro corde per poter raggiungere la Reggina, ma sarà veramente complicato se la squadra calabrese dovesse mantenere questo ritmo martellante.

Bari che ha il secondo miglior attacco, dietro ovviamente alla Reggina, e pure la seconda migliore difesa. In netta ripresa anche il Monopoli, 9 punti nelle ultime cinque partite, mentre sta perdendo un po’ di colpi la Ternana, che pur aveva iniziato alla grande il campionato, mentre adesso si trova in quinta posizione con due sole vittorie negli ultimi cinque match disputati.

Il terzo troncone della classifica, invece, va dalla sesta fino alla quindicesima posizione e la distanza è veramente risicata. Tutte queste squadre, infatti, sono concentrate in soli 7 punti. Si va dal Catanzaro che ne ha 29, il Catania a quota 28, uno straripante Avellino in netta ripresa che ha vinto quattro delle ultime cinque partite giocate a quota 26, in compagnia della Vibonese, che negli ultimi tre turni ha solo pareggiato.

Poi è la volta del Teramo a quota 25 insieme alla Casertana: la squadra teramana ha collezionato 4 punti nelle ultime cinque gare, mentre la Casertana è decisamente più discontinua. Paganese e Viterbese condividono la dodicesima posizione in graduatoria a quota 24 punti, mentre Virtus Francavilla e Cavese sono appaiate a 22 punti.

Ecco, infine, l’ultimo troncone della classifica, quello relativo alla zona retrocessione. Si parte dalla sedicesima posizione, in cui si trova Picerno con 17 punti e quattro sconfitte nelle ultime cinque partite. Poi c’è Bisceglie a quota 14 punti, che non sa più vincere, ma quantomeno ha raccolto 4 punti nelle ultime quattro gare che hanno mosso un po’ la classifica. In fondo troviamo Rende e Rieti a quota 13 e la Sicula Leonzio, ultima con 11 punti.

Il campionato della Viterbese

Fino a questo momento, è innegabile come dalle parti di Viterbo non si possa essere poi così tanto soddisfatti. Quattro sconfitte nelle ultime cinque partite, dodicesimo posto in classifica a quota 24. L’ultima vittoria conquistata contro Francavilla sembra aver ridato un po’ di smalto e fiducia all’ambiente, che cominciava ad essere provato dalla striscia di sconfitte consecutive.

Come ha detto coach Calabro, se questa squadra riesce a togliersi di dosso un po’ tutti le limitazioni e i freni che si è imposta a livello mentale, può andare davvero lontano. Certo, non è ancora la Viterbese con lo spirito battagliero dello scorso anno, ma sembra che la strada sia finalmente quella giusta.






Facebook Twitter Rss