ANNO 10 n° 17
Lega Pro, otto squadre non si iscrivono
Il 17 luglio a Roma il Consiglio deciderà la composizione dei campionati
15/07/2015 - 00:00

VITERBO - Alla fine, come ampiamente prevedibile, qualcuno non ce l'ha fatta. Ieri, infatti, scadeva il termine per mettersi in regola con le iscrizioni per la prossima Lega Pro: le squadre che ancora non avevano deposito la regolare fideiussione erano in lotta contro il tempo, termine ultimo le 19.

In quattro sono saltate, e parliamo di squadre dal passato glorioso come Reggina, Venezia, Varese e Real Vicenza, che si sommano a Grosseto, Barletta, Castiglione e Monza negli spazi lasciati momentanemante vuoti nella categoria professionisti.

Il tutto considerando anche che le inchieste giudiziarie legate all'ultimo filone del calcioscommesse potrebbero cancellare altri nomi (su tutti quello del Catania) e che il fallimento del Parma costringerà a ulteriori modifiche nelle composizioni dei raggruppamenti.

Cosa succederà ora? I tifosi della Viterbese restano con l'orecchio teso, con quell'idea del ripescaggio che non si decide proprio ad andarsene dalla testa. Vero che i Camilli hanno fatto già intendere di non volerne sapere di sborsare i famigerati 500 mila euro a fondo perduto. Ma a questo punto l'idea che la tanto criticata''tassa'' venga cancellata non è da scartare.

Il giorno della verità è fissato per venerdì 17 luglio, quando il Consiglio Federale si riunirà a Roma. All'ordine del giorno c'è proprio la composizione dei prossimi campionati. Forse c'è ancora tempo per qualche sogno di mezza estate. 





Facebook Twitter Rss