ANNO 7 n° 293
L'Admo torna in piazza per promuovere
la donazione del
midollo osseo
Presentata la manifestazione ''Match it now!'' che si terrà sabato 23
20/09/2017 - 14:57

VITERBO - Torna a Viterbo, per la seconda edizione ''Match it now!'', il tradizionale appuntamento targato Admo sezione provinciale, in concomitanza con la Settimana nazionale per la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali emopoietiche. La manifestazione, che si svolgerà in piazza dei caduti sabato 23 settembre, dalle 9 alle 19, vede protagonista la città dei Papi, come altre 180 piazze italiane, attraverso l’impegno in prima linea di volontari, medici e personale sanitario che saranno a disposizione dei cittadini per fornire tutte le informazioni e gli approfondimenti sulla donazione, con tanti eventi che avranno luogo durante tutta la giornata.

Anche quest’anno sarà possibile accedere in piazza al primo screening necessario per iscriversi al Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR). Ma la grande novità dell’edizione 2017 di Match it now! a Viterbo è l’introduzione del prelievo del campione salivare come nuovo metodo di reclutamento per tipizzare molti più donatori e dare più speranza ai numerosi malati che aspettano un trapianto di midollo osseo e di cellule staminali emopoietiche. Si possono iscrivere al Registro IBMDR i giovani con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina in una conferenza stampa dal presidente della sezione provinciale Adimo, Paola Massarelli, e dal direttore sanitario della Asl di Viterbo, Antonio Bray, che ha patrocinato l’evento.

“Da sempre – spiega Paola Massarelli - abbiamo guardato avanti e intorno a noi per migliorare e aiutare il nostro sistema italiano, cercando risposte e soluzioni che non sempre sono arrivate, provandoci anche all’estero. Il motivo per cui dobbiamo fare un salto di qualità è lasciare la fase A di semplice divulgazione, per passare alla fase B con un nuovo metodo di reclutamento per tipizzare molti più donatori. Per questo, oltre la classica modalità di tipizzazione tramite prelievo di sangue, ora è possibile procedere all’utilizzo dei Kit Salivari anche nella Regione Lazio. Questo importante traguardo è stato raggiunto grazie all’impegno del presidente di Admo Federazione Italiana, Rita Malavolta, del Registro donatori del Lazio diretto dalla professoressa Paola Grammatico e dalla Asl di Viterbo che ci ha offerto un confronto ininterrotto nella varie fasi di preparazione, anche attraverso il coinvolgimento diretto del direttore generale Daniela Donetti, con l’obiettivo di portare questo nuovo ed efficace metodo anche a Viterbo e a Roma”.

L’introduzione dei kit salivari a Viterbo è stata possibile grazie a un gesto di grande solidarietà di cui si è resa protagonista la famiglia Rossetti che, a seguito della scomparsa del caro papà Daniele, ha chiesto a parenti ed amici di devolvere offerte ad un’opera di bene, scegliendo proprio Admo Lazio come beneficiario. La somma raccolta ha consentito l’acquisto di ben 300 Kit Salivari che saranno utilizzati per la prima volta proprio in occasione di Match it now 2017.







Facebook Twitter Rss