ANNO 9 n° 316
La Viterbese travolge il Fonte Nuova (3-1) e consolida il primato
02/02/2014 - 16:49

di Domenico Savino

VITERBESE CASTRENSE - FONTE NUOVA 3-1

VITERBESE CASTRENSE (4-4-2) Cima; Kacka, Federici, M. Marini, Ghezzi; Gubinelli, Giannone (dal 40’ s.t. Giulietti), Faenzi (dal ‘ s.t. Marinelli), Pero Nullon (dal 20’ s.t. Giurato); Vegnaduzzo, Polani A DISPOSIZIONE Boccolini, Rausa, Giulietti, Toto, Cerone ALLENATORE Solimina

FONTE NUOVA (4-4-2) Chessa; Pesce, Roselli, Dovidio, Palmerini; Brisciana (dall’8’ s.t. Marchionni), Flore, Brancati, Muratore (dal 35’ s.t Santoni); Moretti, Sacripanti (dal 26’ s.t. Guidotti) A DISPOSIZIONE Pagella, Bisogni, Dalla Lana, Scorzoni ALLENATORE Pontis

ARBITRO Quattrociocchi di Latina (Mari e Longo)

RETI nel p.t al 16’ Polani (V); nel s.t. al 5’ e al 32’ Vegnaduzzo (V), al 37’ s.t. Flore (FN)

NOTE giornata piovosa, terreno in pessime condizioni, spettatori 400 circa Ammoniti Giannone per la Viterbese Palmerini e Santoni per il Fonte Nuova Espulsi Palmerini del Fonte Nuova per doppia ammonizione. Angoli 4-3 per la Viterbese Recupero 1 + 4

VITERBO – Dal fango escono tre fiori. E’ la vittoria della Viterbese che vola a cinque punti dal Rieti e può dare inizio alla prima fuga di stagione. Il Fonte Nuova è liquidato dai gol di Polani e dalla doppietta di Vegnaduzzo (che sale a 44 reti da quando è in gialloblu). I romani lottano, ma alla lunga si arrendono: tuttavia da quando restano in dieci (espulso Palmerini) la strada diventa ancor di più in salita e la Viterbese vive un tranquillo finale di gara. Solimina riesce a far ruotare anche gli uomini a disposizione.

Il Fonte Nuova comunque ha fatto la sua gara, si è dimenato sotto la pioggia battente, ha fatto vedere buone trame di gioco: su tutti spiccano le prestazioni di Flore e Brancati in mezzo al campo, Muratore che ha martellato con costanza la sua fascia di competenza. L’espulsione è sembrata una esecuzione che ha condannato i ragazzi in rossoblu. La Viterbese gioisce ancora e tocca quota dieci risultati utili di fila. Non perde da fine novembre, mantiene una buona solidità di uomini e di impianto.

Il passaggio al 4-4-2 consente di vedere alcuni meccanismi tattici: Faenzi è una conferma al fianco di Giannone: tampona e riparte con la stessa intensità, Polani e Vegnaduzzo (entrambi cecchini infallibili) cercano l’intesa in avanti, Gubinelli e Pero Nullo macinano chilometri sugli esterni e quando possono sfornano cross. E negli ultimi minuti c’è spazio per il giovane Giulietti.

E’ una gara per lottatori: si gioca su un terreno inzuppato d’acqua, è difficile anche fare due passaggi di fila. C’è una pozzanghera davanti alla panchina del Fonte Nuova. Cambia qualcosa Solimina: vuole far riposare chi ha dato di più in vista della coppa. Sceglie il 4-4-2 per tenere le linee strette e aggredire l’avversario. Sulle fasce sgommano Gubinelli e Pero Nullo, Polani e Vegnaduzzo a turno si abbassano per venire incontro a raccogliere le sponde (mentre l’altro attacca la profondità).

E’ ordinato il Fonte Nuova. Pontis si mette a specchio per tentare di arginare la Viterbese: linee strette, distanze giuste tra i reparti, densità nella propria metà campo e ripartire sugli esterni: Muratore si allarga a sinistra per tenere basso Kacka, Flore e Brancati pressano per non far ragionare le menti gialloblu. La banda di Solimina attende il momento giusto per colpire, studia l’avversario per trovarne i punti deboli. Il Fonte Nuova è attento a non scoprirsi, sa che non può commettere errori se vuole tenere la gara in vita. La pioggia incessante condiziona anche le giocate più semplici: viene sempre preferito il lancio lungo a scavalcare il centrocampo per ovviare alla difficoltà di fraseggiare.

Praticamente al primo affondo la Viterbese passa: l’azione è casuale (parte dai piedi di Pero Nullo) favorita dal terreno viscido e dall’imperizia del portiere del Fonte Nuova: Polani è lesto sulla ribattuta. I romani tengono comunque bene il campo: lottano con grinta, non mollano un pallone. E’ da apprezzare la loro applicazione, la loro voglia di stare attaccati al match.

Nella ripresa il rosso a Palmerini definitivamente inclina la gara da parte della Viterbese. Vegnaduzzo trasforma il rigore del raddoppio e chiude la gara. I restanti minuti servono a triplicare, a gestire e a fare riposare qualcuno (fuori Pero Nullo, Faenzi e Giannone dentro Giurato, Marinelli e Giulietti) in vista dell’impegno di mercoledì. Il gol di Flore rende meno amaro il passivo.

Ventesima giornata 02/02/2014

Città di Monterotondo - Nuova Sorianese      
2-2
Empolitana Giovenzano - Cerveteri 3-1
Fregene - Caninese 2-1
Grifone Monteverde - Monterotondo Calcio 3-1
Ladispoli - Futbolclub 2-2
Montecelio - Civitavecchia 2-2
Montefiascone - Villanova 2-3
Real Monterosi - Rieti 1-0
Viterbese Castrense - Fonte Nuova 3-1

Classifica dopo la 20° giornata

Viterbese                                46
Rieti 41
Nuova Sorianese 36
Ladispoli 34
Real Monterosi
34
Villanova 33
Grifone Monteverde 32
Futbolclub 28
Civitavecchia 28
Montecelio 24
Cerveteri 21
Fregene
21
Montefiascone 20
Empolitana 19
Monterotondo Calcio 18
Fonte Nuova 16
Caninese 15
Città di Monterotondo 15

Civitavecchia penalizzato di cinque punti

Prossimo turno 09/02/2014

Caninese - Montefiascone

Cerveteri - Città di Monterotondo

Civitavecchia - Real Monterosi

Fonte Nuova - Ladispoli

Futbolclub - Fregene

Monterotondo Calcio - Viterbese Castrense

Nuova Sorianese - Grifone Monteverde

Rieti - Empolitana Giovenzano

Villanova - Montecelio





Facebook Twitter Rss