ANNO 10 n° 52
La Viterbese si testa
in vista del Sora
I gialloblu travolgono 10-0 l'Ischia di Castro: tripletta per Saraniti e Morini
24/10/2014 - 02:01

VITERBO - Prove anti-Sora. Nel test amichevole infrasettimanale la Viterbese ha battuto 10-0 l'Ischia di Castro, formazione di Prima categoria. Mattatori di giornata Saraniti e Morini con una tripletta a testa. Hanno completato il tabellino Nuvoli, Pippi, Angelilli e Giurato. E' il segno che l'attacco sta bene e funziona: infatti dei dieci gol messi a segno ben nove sono stati di componenti della prima linea offensiva. Ormai la squadra inizia a conoscersi e i meccanismi vengono imparati a memoria. La sgambata è servita al tecnico Ferazzoli per provare uomini e schemi in vista del derby di domenica prossima a Sora.

I gialloblu devono dare vigore ai miglioramenti fatti notare nelle passate giornate. Qualcosa in più si è visto a Genzano, mentre un passo indietro dal punto di vista del gioco è stato notato domenica scorsa quando al Rocchi era di scena il Budoni. Resta comunque la continuità di vittorie che ha consentito ai gialloblu di fare un deciso balzo in avanti in classifica: terzo posto in solitario all'inseguimento della coppia di testa formata da Ostiamare e Lupa Castelli Romani. Sembra scontato l'utilizzo del 4-4-2 e potrebbe essere confermata la squadra che ha battuto il Budoni. In amichevole Ferazzoli ha schierato Fadda tra i pali; in difesa Tuniz, Gimmelli, Cirina e Russi; mediana con Nuvoli, Giannone, Andreoli e Pero Nullo; in attacco Pippi e Saraniti. Poi nella ripresa la girandola dei cambi ha stravolto l'undici iniziale molto sperimentale.

Pertanto Ferazoli è intenzionato a confermare la squadras che domenica scorsa ha superato il Budoni. Deve fare a meno di Ciaramelletti: i problemi a una spalla impongono tempi di recupero più lunghi e allora sembra scontato l'utilizzo di Faenzi che fa oscillare l'atteggiamento tattico. Infatti la Viterbese si è spesso mossa con il 4-3-1-2, poichè il giovane ex Groseto non è un estreno di ruolo e Pero Nullo si è adattato a giocare tra le linee.

Dall'altra parte i gialloblu troveranno il Sora, una sqaudra ferita dalla sconfitta a Selargius che vorrà ben figurare di fronte ai propri tifosi in occasione del derby: i bianconeri vengono da tre sconfitte nelle ultime cinque gare che hanno fatto indietreggiare la formazione di Castiello poco sotto la metà della classifica. Domenica torna l'ora legale, lancette indietro di sessanta minuti e si gioca alle 14,30.





Facebook Twitter Rss