ANNO 8 n° 291
La Viterbese si aggrappa al gol di Vandeputte
Ci pensa il belga a sbloccare una gara equilibrata ma senza emozioni
30/12/2017 - 16:24

VITERBO - I gialloblu vogliono festeggiare il Capodanno con serenità e partono subito bene. L'Arzachena si difende come può e rischia più volte di innervosire la gara che rimane equilibrata, ma opaca, fino al 76'. Gli isolani sono fisici e i laziali più tattici, ma per nulla concreti. Un equilibrio che, infatti, non regala grandi emozioni e le occasioni create sono poche da entrambi i lati del campo.

Le idee, nel corso del primo tempo, svaniscono pian piano ed entrambe le formazioni si affidano agli episodi. E il duplice fischio dell'arbitro manda tutti negli spogliatoi con uno 0 a 0 che non soddisfa nessuno, ma descrive perfettamente lo spettacolo offerto dalle squadre. Il rientro è leggermente più frizzante e inizia con un tiro di Jefferson che regala l'illusione del goal da fuori area.

Ma è, appunto, pura illusione. Stefano Sottili prova a dare la scossa con qualche cambio e inserisce Bismark e Mendez al posto di Cenciarelli e Razzitti cambiando modulo. E arriva il cambiamento: dopo trenta minuti dalla ripresa, il belga Vandeputte, afferra la palla e la insacca nell'angolino destro, alle spalle di Cancelli. Il match, finalmente, si sblocca e Giorico corre ai ripari proprio nel momento in cui entrambe le compagini sembravano essersi abbandonate all'idea del pareggio.

A una manciata di secondi dalla fine il clima si scalda, due giocatori della Viterbese rimangono per terra e gli altri battibeccano. La partita riprende e i quattro minuti di recupero e sofferenza si giocano a nervi tesi. Un match giocato non bene da entrambe le formazioni: un'occasione afferrata al volo in extremis, ma che poteva essere affrontata con maggiore tranquillità e concretezza.  Quel che conta è che il 2017 si chiude con una vittoria e un momentaneo secondo posto in classifica.





Facebook Twitter Rss