ANNO 10 n° 20
La Viterbese non c'è, la Lupa vola a +7
Gialloblu sconfitti 1-0 a dal Cynthia
22/02/2015 - 16:52

VITERBESE – CYNTHIA 0-1

VITERBESE (4-4-2): Fadda, Perocchi, Scardala, Dalmazzi, Tuniz; Neglia (dal 35’ s.t. Pero Nullo), Nuvoli, Giannone, Morini (dal 12’ s.t. Oggiano); Pippi, Saraniti. Allenatore: Ferazzoli. A disposizione: Zonfrilli, Pingitore, Gimmelli, Varricchio, Pacciardi, Assenzio, Fanasca.

CYNTHIA (3-5-2): Scarsella, Cacciotti, Carta, Errico (dal 13’ s.t. Bellini), Leccese, Bagaglini, Senesi (dal 18’s.t. Marchetti), Bendia, Peressini,Hasa, Delgado. Allenatore: Rughetti. A disposizione: Scarfagna, Bianchi, Marchetti, Mortaroli, Martena, Facondini, De Angelis.

ARBITRO: Sartori da Padova (Pellino e Coppola).

Angoli: 3-0 per la Viterbese

Ammoniti: Scarsella, Delgado e Bianchi per il Cynthia

Marcatori: 35’ autogol di Scardala

Recupero: 1’+5’

Note: Giornata nuvolosa, cinquecento spettatori circa. Campo in buone condizioni.

VITERBO – La Viterbese è rimasta a Rocca Priora. Contro un Cynthia tonico e ben disposto in campo, i gialloblu creano poche occasioni, puntualmente sventate da Scarsella, e cedono uno a zero di fronte a una sfortunata autorete di capitan Scardala, che devia nella propria porta un cross di Delgado diretto a Hasa. Non è bastata la grinta, nella ripresa, di fronte alla solidità difensiva della squadra ospite. Ora la classifica recita -7 dalla Lupa Castelli: il sogno di approdare in Lega Pro vincendo il campionato si allontana, serviranno 11 vittorie nelle prossime partite per coltivare una minima speranza.

In campo per rispondere subito al tentativo di allungo della Lupa Castelli, volata a più sette dopo la vittoria nell’anticipo contro il Sora, la Viterbese si ripresenta confermando il tandem offensivo Pippi-Saraniti. Nessuna sorpresa nella retroguardia, con Tuniz e Perocchi al loro posto sulle fasce, la novità riguarda la coppia di incursori, con Neglia e Morini in campo e Pero Nullo e Oggiano ad accomodarsi in panchina. Rughetti schiera dall’altra parte una difesa a tre composta da Cacciotti, Leccese e Bagaglini, con Carta e Senesi sugli esterni incaricati di spingere e dare una mano in copertura in fase di non possesso. Davanti, la potenza di Hasa a fianco della rapidità di Delgado.

La partita fatica a decollare nei primi minuti, il Cynthia si chiude bene e prova a ripartire, i gialloblu faticano a trovare spazi. La prima occasione la creano proprio gli ospiti, con una punizione dal limite di Delgado che Fadda blocca senza troppi affanni. Risposta gialloblu al 20’ sempre da calcio piazzato: Giannone ci prova dai venticinque metri, Scarsella fa sua la sua sfera. La gara si sveglia alla mezz’ora: tacco di Pippi in area, Morini ci arriva con la punta del piede ma trova sulla sua strada Scarsella, che respinge in angolo di piede salvando un gol fatto.

L’episodio scuote la Viterbese. Cinque minuti dopo Giannone pesca Neglia in area, controllo di petto e sinistro al volo dell’esterno gialloblu che trova però di nuovo Scarsella sulla sua strada. Nel momento migliore della Viterbese, però, passa il Cynthia: Bendia ruba palla a Tuniz e apre su Delgado, il centravanti mette in mezzo e Scardala, per anticipare Hasa, finisce per spingere la sfera nella propria porta. Uno a zero a sorpresa e il gelo cala sul Rocchi. I padroni di casa accusano il colpo e gli ospiti hanno anche la chance del raddoppio con Hasa, che cicca da pochi passi un invitante pallone servito da Senesi. Perocchi prova a pescare il jolly da fuori ma trova sempre pronto Scarsella, Saraniti spreca un ghiottissimo contropiede servendo male Neglia, anticipato sul più bello. Finisce così, senza più emozioni, un primo tempo bruttino, con la Viterbese che ha sulla coscienza due occasioni importanti pagando poi dazio alla prima vera offensiva ospite.

I gialloblu hanno subito una buona occasione con una punizione dal limite, ma il sinistro di Morini vola alto sopra la traversa. Al 9’ ottimo spunto di Tuniz sulla sinistra, palla al centro per Pippi che colpisce la sfera di prima intenzione ma non trova la porta. La Viterbese ha finalmente un altro piglio, Ferazzoli butta nella mischia Oggiano togliendo un Morini volenteroso ma molto confusionario. Il pareggio sembra cosa fatta al quarto d’ora: Saraniti calcia a botta sicura su sponda di Pippi, Cacciotti interviene miracolosamente in scivolata e smorza il tiro che termina tra le braccia di Scarsella. Oggiano, appena entrato, rimedia un pestone ed è costretto a dare subito forfait. Il mister gialloblu si affida a Fanasca nel finale, ma gli ultimi viterbesi sono sterili. Scarsella si limita a sbrogliare un paio di mischie, la Viterbese lamenta un rigore per un tocco di mano su conclusione di Nuvoli ma Sartori non fischia nulla. Finisce senza altri brividi, con una brutta Viterbese battuta in casa e il sogno promozione diretta che si fa sempre più lontano.





Facebook Twitter Rss