ANNO 9 n° 324
La Viterbese fila come una corazza
La squadra continua a crescere, si sblocca anche Toscano
08/10/2013 - 00:39

di Domenico Savino

VITERBO – Intanto vince e prosegue la sua scalata. La Viterbese che timbra il quarto successo consecutivo contro il Monterotondo inizia a guardare tutti dall’alto. Non si può parlare di fuga, troppe poche partite sono passate e sono solo due i punti di vantaggio dalle immediate inseguitrici (Rieti e Sorianese). Ma è un primo tassello della grande costruzione che sta mettendo in piedi Solimina. Vincere fa sempre bene, aumenta l’autostima, rende forti. Si macinano punti, si sgretolano le certezze degli avversari, che sono chiamati a un surplus di fatica per avere ragione della Viterbese.

La contabilità parla di quindici reti fatte, appena due subite e una superiorità che quando si mostra è difficile da arginare. Le altre sono dietro. Fa fatica il Rieti che rischia grosso a Cerreto Laziale conto l’Empolitana (un rigore sbagliato dai padroni di casa, poi il pari di Garat, traballa la posizione del tecnico Punzi), risale la Sorianese che vince di rimonta contro il Grifone Monteverde. Il resto del gruppo arranca e non sembra avere le forze per tenere il ritmo. Il successo va anche visto in prospettiva dal momento che la Viterbese ha, da calendario, il bonus di un altro turno casalingo contro il Grifone Monteverde. Un vantaggio che va capitalizzato al massimo in questo primo scorcio di stagione.

Il largo successo con cui è stato spazzato il Monterotondo è l’indice delle enormi potenzialità della Viterbese: stanno segnando tutti anche Toscano che dopo l’infortunio faceva fatica a trovare la via del gol. Il bomber ex Ostia Mare e Albalonga ha bucato per due volte la porta eretina: per un attaccante non c’è miglior medicina per acuire un ritardo di preparazione o la superficialità negli ultimi metri. De Francesco dimostra di essere un elemento su cui puntare, Cerone ha colpi da categoria superiore e la difesa rafforza la sua solidità. Solo la bravura di Fabricatti ha permesso la rete della bandiera. Pero Nullo e Toto stanno affinando la loro intesa sulla fascia: diverse sono state le sgroppate che hanno visto i due creare superiorità numerica sul lato sinistro che è il più sfruttato nella manovra d’attacco.

Segnali positivi anche dai ’96: sia Ghezzi che Giurato dimostrano d avere la voglia per mettersi in mostra e hanno ampi margini di crescita. Resta sul tavolo della discussione una certa pigrizia nel chiudere la gara, nel tenere in vita gli avversari. In occasione del match contro gli eretini ci sono stati momenti di buio interpretativo, situazioni lette poco o male. Il Monterotondo non ne ha approfittato, anzi si è fatto male da solo terminando la gara in nove.

Ecco se si vuole trovare un neo nella gara dei gialloblu va individuato in una manovra poco fluida, in un centrocampo che lavora come un diesel: ha bisogno di tempo per carburare, ha un passo monocorde. Solimina ha da subito dribblato la questione in tal senso chiedendo di stare vicino alla squadra, di non caricarla di ulteriore responsabilità, prendendosi la paternità delle scelte. Anche perché le opzioni sono diverse: Federici può anche giocare da mediano, se si vuole dare un turno di riposo a Faenzi non si turba né l’equilibrio di squadra né quello degli under (spazio per il portiere Cima e modulo invariato). Insomma la Viterbese deve restare tranquilla: ha tempo e modo per ovviare a queste mancanze.

ERRATA CORRIGE – A causa di un errore nella trascrizione delle formazioni sul tabellino di Viterbese – Monterotondo sono stati riportate le espulsioni di Albanesi e De Dominicis. In realtà il cartellino rosso è stato sventolato in faccia a Di Ventura e Fiorucci.

I BOMBER D’ECCELLENZA

3 GOL: Pacenza, Cerone e Toscano (Viterbese Castrense); Bentivoglio (Cerveteri); Artistico (Rieti); Cesaro (Empolitana); Morelli (Grifone Monteverde); Andreoli (Nuova Sorianese)

2 GOL: De Francesco e Federici (Viterbese Castrense); Maimone (Empolitana); Giuffrida (Civitavecchia); Gravina (Ladispoli); Ianni (Villanova); Brancati (Fonte Nuova); Maestà e De Lucia (Nuova Sorianese); Garat (Rieti); Roccisano (Caninese); Montepaone (Fregene)

1 GOL: M.Marini, Pero Nullo (Viterbese Castrense); Ingrosso, Troili e Paoloni (Caninese); Crisostomi, Bertino, Rocchi e Silvestrini (Montecelio); Temperini e Margolini (Grifone Monteverde); Giordano e Palmerini (Fonte Nuova); Meloni , Santori, Tonga e Marini (Villanova); Di Cesare (Empolitana); Barile, Spaziani e Spanò (Futbolclub); Fabricatti, Maresca e Barbetti (Monterotondo Calcio); Cesarini, Vittori e Calevi (Montefiascone); Luciani, Monteforte, Lazzarini, Pollini e Faina (Nuova Sorianese); Franchitti, Torroni e Borgognoni (Real Monterosi); Ponzio e Petronilli (Ladispoli); Cavallaro, De Dominicis G. e Federici (Città di Monterotondo); Tartaglione (Fregene); Leone, Sacripanti e Romagnoli (Civitevecchia); Pezzotti (Rieti); Lelli (Cerveteri).





Facebook Twitter Rss