ANNO 7 n° 351
La Viterbese corre e suda a Chianciano
Prosegue il lavoro degli uomini di Cornacchini, mentre la Lega formalizza sei esclusioni
20/07/2016 - 02:00

di Stefano Renzo

VITERBO – La Viterbese corre e suda a Chianciano mentre da Coverciano arrivano notizie definitive (o quasi) delle esclusioni dal prossimo campionato. Sono sei le società che non hanno ottenuto l’iscrizione alla prossima Lega Pro. Sei forfait che portano a dodici i posti da riempire se si vuole riportare, come vorrebbe il presidente Gravina, il format della terza serie nazionale a 60 squadre. Da oggi si potrà parlare a tutto tondo ed a pieno titolo di ripescaggi e a fine mese si potranno avere le idee un po’ più chiare al riguardo.

Ieri, intanto, il Consiglio Federale riunito a Coverciano in occasione della presentazione ufficiale del nuovo tecnico della Nazionale Giampiero Ventura, ha deliberato le esclusioni. Ha preso atto delle rinunce, al 30 giugno, di Bellinzago, Martina Franca e Lanciano, e di Pavia e Rimini che hanno rinunciato al ricorso che doveva essere inoltrato entro il 15 luglio. Cinque rinunce complessive, quindi, alle quali va aggiunta l’esclusione proposta dalla Cavisoc e votata solo a maggioranza dal Consiglio Federale (Gravina ha votato contro, sette gli astenuti), della Paganese. La società campana ha comunque già preannunciato ricorso, questa volta al Collegio di garanzia.

Tornando alla Viterbese, si può dire che è entrata nel vivo la sua preparazione precampionato. Sul campo di Chianciano, Giovanni Cornacchini ha condotto ieri una doppia seduta giornaliera: quella del mattino è iniziata alle 9,30 ed è terminata a ridosso dell’ora di pranzo, quella del pomeriggio ha avuto l’avvio alle 17 e si è conclusa praticamente al tramonto.

Il neo tecnico gialloblu - assistito dai suoi collaboratori più stretti che dovrebbero essere l’allenatore in seconda Renzo Tasso (era ad Ancona), il preparatore atletico Mario Fei (stava al Grosseto), i fisioterapisti Giorgio Ardelli (anche egli era ad Ancona) e Leonardo Ercoli, il preparatore dei portieri Paolo Gobattoni, nonché il collaboratore tecnico Claudio Mele (dal Settore Giovanile della Viterbese) - ha insistito molto sul lavoro atletico dividendo in gruppetti gli elementi disponibili alternandoli, al mattino, tra il campo e la piscina. Nel pomeriggio è comparso il pallone e l’allenatore marchigiano ha iniziato a parlare di tecnica e di tattica, ha iniziato insomma ad illustrare e a mettere in pratica quello che è il suo verbo calcistico. Lo stesso programma di lavoro è previsto per oggi e probabilmente per domani; venerdì invece, la programmata amichevole sarà solo una partitella in famiglia che vedrà impegnati, in due squadre, tutti i disponibili e che comunque sarà utile per permettere al mister di fare le prime valutazioni. Al momento può quindi essere considerata spostata a lunedì 25 la prima amichevole stagionale.

Mentre la squadra lavora sulla collina senese, si avviano a conclusione i lavori di adeguamento all’Enrico Rocchi dove recentemente è stato rizollato il prato all’interno delle due aree di rigore, specie nell’area di porta, mentre nelle prossime ore dovrebbe essere messo in sito il nuovo tunnel che consentirà l’ingresso in campo in massima sicurezza di atleti e giudici di gara. Lunedì, infine, è prevista la posa in opera della transenne che serviranno a preselezionare l’ingresso dei tifosi allo stadio, dal suo ingresso principale e fino alle tribune.






Facebook Twitter Rss