ANNO 9 n° 265
La Viterbese cerca conferme in coppa
C'è il ritorno degli ottavi di finale; contro il Borgo Podgora (1-1)
13/11/2013 - 04:00

di Domenico Savino

VITERBO – La Viterbese di coppa deve dimostrare che i progressi intravisti nel successo tennistico sul Montecelio non sono un fuoco di paglia, ma l’alba di un giorno nuovo. O meglio del nuovo corso targato Pirozzi. Già qualche avvisaglia c’è stata domenica scorsa: si è visto il pressing, si è vista una squadra che si muove di gruppo e le sublimi giocate dei singoli non sono finalizzate a strappare l’applauso, ma sono perfettamente incastonate nel nuovo progetto.

Il gioco sgorga con più facilità, quando la squadra è corta riesce a recuperare più facilmente la palla e sviluppa le azioni in velocità. A tratti è sembrata una Viterbese davvero godibile. Vanno eliminati quei momenti di black out, quelle amnesie che sono costate le due reti del modesto Montecelio. Ha ragione Pirozzi quando dice che la squadra deve aumentare i minuti di intensità: contro i tiburtini lo ha fatto, ma a intermittenza.

Riuscisse a non mollare la presa sugli avversari per più di un’ora di gioco, sarebbe un ulteriore passo in avanti. E la sfida contro il Borgo Podgora serve a testare le nuove velleità. Il lavoro di Pirozzi sta prendendo piede, ma serve ancora del tempo per essere completamente interiorizzato. E il processo di crescita migliora - e corre spedito - se è corroborato dai risultati. Quindi il passaggio del turno è fondamentale per certificare gli sviluppi e non è detto che si debba necessariamente vincere coprendo di reti gli avversari. Lo si può fare anche con punteggi più striminziti: l’importante è che siano seguiti da prestazioni confortanti come quella offerta contro il Montecelio.

Pirozzi farà ruotare la rosa a sua disposizione. Spazio a coloro che hanno giocato di meno a vario titolo tra infortuni, squalifiche e scelte tecniche. Si rivedrà il capitano Daniele Federici che ha saltato due giornate in campionato e la sua assenza si è sentita più del dovuto nel derby di Montefiascone.

Ma soprattutto sarà una delle ultime chiamate per Gianluca Toscano, mister 100 gol negli ultimi tre anni in Eccellenza, che sta rendendo decisamente al di sotto dei suoi normali standard. Tuttavia ha sempre segnato cinque reti in nove gare e Pirozzi da lui si attende una grande risposta soprattutto sotto il profilo mentale, della attenzione, della voglia di riconquistarsi il posto. E’ un capitale che la Viterbese ha in mano, ma la presenza di Enrico Polani agli allenamenti non depone a suo favore. Ci sarà anche qualche under che ha giocato meno

Si riparte dal pareggio (1-1) dell’andata. Ai gialloblu basterebbe anche lo zero a zero a ma l’impressione è che Pirozzi chieda il risultato pieno, oltre alla prestazione positiva. Il Borgo Podgora è una buona squadra che ha quindici punti in classifica e che nell’ultimo turno ha vinto sul campo della Pro Cisterna (0-2).

COLLEFERRO – REAL MONTEROSI – L’altra compagine della Tuscia impegnata nel ritorno degli ottavi di coppa è il Real Monterosi. I biancorossi ripartono dal 2-2 del Martoni e per passare il turno serve un’autentica impresa: vincere con qualsiasi risultato sul campo di una squadra costruita per conquistare la serie D. Il tecnico Marco Scorsini cambierà diversi elementi rispetto alla gara di campionato sospesa a Monterotondo. L’obiettivo principale della società del presidente Cialli è la salvezza e il rendimento è più che lusinghiero, fatto di prestazioni di livello con avversari più quotati. Comunque il Monterosi non vuol sentirsi battuto in partenza e tenterà di rendere la vita difficile al Colleferro. Anche questa partita inizia alle 14,30.





Facebook Twitter Rss