ANNO 9 n° 290
La Union Viterbo supera Latina
I ragazzi di Scorsosi si vendicano della gara d'andata
03/03/2019 - 18:35

Union Viterbo - Latina 25 – 8 (pt. 12 – 3)

Quattro mete e cinque punti. La Union Viterbo ‘vendica’ la sconfitta dell’andata e supera Latina 25 – 8. Buona la prova dei ragazzi di Scorzosi puntuali in difesa e precisi nelle ripartenze. Peccato per qualche occasione di troppo sciupata che avrebbe permesso di chiudere prima la partita.

Inizia meglio Latina che dopo 10’ trova la via dei pali. La risposta dei padroni di casa non si fa attendere e arriva poco dopo con Duri, bravo a finalizzare una bella azione. Dalla piazzola Iannaccone è preciso. Il vantaggio si allarga in chiusura di tempo con Santucci che schiaccia in meta per il 12 – 3 parziale.

Ad inizio ripresa la Union spinge sull’acceleratore. Iannaccone aggiunge tre punti dal dischetto. Poi Petrolito ruba una palla a metà campo, supera due avversari e offre il pallone a Ferrazzani che chiude di fatto la partita. Scorzosi manda dentro forze fresche. Latina arretra e Tonelli segna la meta che vale il bonus. Il giallo a Duri e una furiosa azione permettono agli ospiti di segnare, nel finale, la meritata meta della bandiera. Finisce 25 – 8, la Union continua la ricorsa alla Roma Urbe.

 

La partita è stata anche l’occasione per consegnare a Lorenzo Bertini, roccioso centro della Union, il ‘cap’ di papà Giorgio. Nella tradizione rugbistica un cappello che spetta a chi indossa la maglia del club. Giocatore numero 235 e scomparso sei anni 6, Giorgio Bertini fu uno dei ragazzi che, tra gli anni ’70 e ’80 scrissero la storia del rugby Viterbo: esempio di generosità e amicizia fuori e dentro il campo.

Union Viterbo La formazione: Iannaccone, Basili, Bertini, De Angeli, Gullo, Ferrazzani L, Angelotti, Santucci, Agostini, Petrolito, Porchiella, Tirotti, Duri, Desana, Mariottini. All. Scorzosi. Entrati nella ripresa: Musso, Lanzi, Aluisi, Casertano, Tonelli, Casasole, Avanzo






Facebook Twitter Rss