ANNO 9 n° 340
La rete idrica è un colabrodo, Talete fa lo sconto al Comune
Ischia di Castro, perdite d'acqua per 340mila euro. Si chiude lunga battaglia legale
01/12/2019 - 05:46

ISCHIA DI CASTRO - Sconto in bolletta se la rete idrica è un colabrodo. Succede a Ischia di Castro, dove il Comune su un importo totale di un milione e 112mila euro chiesti all'inizio da Talete, dovrà sborsarne solo 770mila euro, pagabili in quattro rate annuali. Sempre un bella spesa, ma il risparmio è notevole: 342 mila euro in meno, corrispondenti alla cifra pagata in più per la perdita d'acqua.

Si è chiusa in questo modo una controversia legale iniziata nel 2011. E’ da allora infatti che il Comune contesta sia la tariffa applicata da Talete per la fornitura dell’acqua all’ingrosso (0,42/m3 euro per gli anni 2013-14 e 0,48/m3 euro per gli anni 2015-2018), sia le modalità con cui è avvenuta la misurazione delle quantità di metri cubi forniti.

In ragione di ciò, il Comune ha ritenuto di non versare a Talete quanto via via richiesto dalla stessa. Mentre quest’ultima, a fronte del mancato versamento di quelle somme, ha azionato due giudizi civili nei confronti del Comune, ancora pendenti.

Nei giorni scorsi, dopo anni di battaglie in tribunale, le due parti hanno deciso di metterci una pietra sopra. ''Il Comune – si legge nella delibera di giunta approvata a inizio ottobre che formalizza la pace con il gesotre unico - intende procedere ad accordo conciliativo al fine di superare definitivamente, in correttezza e buona fede, le criticità insorte nella gestione delle reciproche prestazioni (fornitura di acqua potabile all’ingrosso, a fronte del richiesto pagamento delle somme oggetto di fatturazione) cui ambo le parti nutrono una reciproca legittima aspettativa dando atto che Talete ha riconosciuto esservi verosimilmente stato un errore materiale nelle misurazioni dei consumi, pari globalmente a 380.000- 430.000 mc per gli anni oggetto delle controversie, in ragione delle perdite di rete''. Una valutazione ritenuta congrua anche da Ega, l’autorità amministrativa preposta a controllare e a vigilare in merito ai rapporti tra enti locali e Talete, ha espressamente riconosciuto, con la predetta nota, la congruità della valutazione.

Al riconoscimento di perdite di rete pari al 16-18% delle forniture effettuate da Talete - e di cui Talete si fa pertanto unilateralmente carico - si somma l’ulteriore diminuzione delle pretese di Talete, a fini conciliativi, di un ulteriore 13-15%, congiuntamente all’abbandono della richiesta di ottenere il pagamento degli interessi moratori.






Facebook Twitter Rss