ANNO 7 n° 114
''La Pietā'' sotto lo sguardo degli inglesi
Questa mattina una delegazione britannica ha fatto visita al Museo
03/02/2017 - 13:03

VITERBO - La Tuscia parla inglese per un giorno. ''La Pietà'' di Sebastiano del Piombo, infatti, questa mattina ha ricevuto la visita da parte della stampa inglese. Taccuino e penna in mano per una giornata tra le opere di maggior valore possedute nel Museo civico di Viterbo. Ma la vera protagonista rimane lei: la tela di Stebastiano dei Piombo che volerà a Londra per essere esposta nella National gallery (15 marzo-25 giugno).

Durante la visita della delegazione inglese, la sovrintendente ai beni culturali Costanza Barbieri ha annunciato importanti novità dopo i suoi studi sulla tela viterbese. Finalmente infatti verrà rivelato uno dei più grandi misteri che circonda l'ideazione e la realizzazione del quadro di Sebastiano del Piombo. Ma bisognerà aspettare l'inaugurazione della mostra a Londra. Solo una piccola anticipazione: la nuova teoria della sovrintendente Barbieri farà luce sul modello preso d'ispirazione dal pittore per realizzare la figura della Madonna. Si sa perfettamente invece che il volto di Gesù si rifà ad un componente della famiglia dei De Medici.

Anche il sindaco Leonardo Michelini e l'assessore Antonio Delli Iaconi hanno preso parte alla visita della delegazione inglese che ha potuto ammirare sia i reperti archeologici del Museo Civico di Viterbo, sia le opere conservate nella pinacoteca al piano superiore. Davanti a ''La Pietà'' gli esperti inglesi si sono soffermati a lugo per poter analizzare dal vivo la tela. Un archeologo londinese ha spiegato alla delegazione la storia e lo stile del quadro di Sebastiano del Piombo.

The Mail on Sunday, The Telegraph, The Times, The Guardian, Country Life, The Daily Mail, The Independent, The Spectator e The Sunday Times: queste le testate giornalistiche presenti oggi a Viterbo con i massimi esperti d'arte.

Dopo il Museo civico la delegazione inglese visiterà Palazzo papale e la basilica di San Francesco.







Facebook Twitter Rss