ANNO 6 n° 271
La multa? La pagano
tutti i tifosi
Il Vi.Va. chiede un contributo
per saldare la sanzione di 800 euro
13/02/2016 - 17:10

VIGNANELLO - Il Vi.Va. calcio (campionato di Promozione) non ci sta, la multa per frasi razziste indirizzate all'arbitro Sebastian Petrov nel corso della partita di campionato del 31 gennaio appare eccessiva (800 euro), pur ammettendo lo scivolone vissuto da qualche tifoso troppo ''caldo''. Per questo il club ha chiesto solidarietà ai propri sostenitori: domani, match contro l'Atletico Ladispoli, ogni spettatore che accederà agli spalti pagherà un obolo di cinque euro, al fine di ammortizzare la spesa. Un'iniziativa simile a quella che i tifosi della Fortitudo Bologna basket hanno intrapreso proprio in questi giorni (loro però si autotassano preventivamente) per pagare una multa che probabilmente arriverà alla società dopo gli insulti che i sostenitori bolognesi recapiteranno ad un giocatore di Ferrara.

A tal proposito, sono intervenuti nel merito i sindaci di Vignanello e Vallerano, ovvero i paesi rappresentati dal Vi.Va. calcio. ''Il rispetto dell'altro, fa parte della mia filosofia di vita''. Parola di Vincenzo Grasselli, sindaco di Vignanello, pronto a ribadire le sue affermazioni in maniera schietta: ''Penso che è da questo principio che si debba iniziare un momento di confronto e di riflessione, che deve necessariamente investire anche gli sportivi.

''Il Vi.Va. calcio – ha poi proseguito il primo cittadino vignanellese - è da sempre impegnato in prima linea a testimoniare i veri valori dello sport: iniziative di solidarietà, l'attenzione al mondo giovanile e all'educazione, il rispetto dell'avversario, hanno sempre contraddistinto questa 'giovane' società, di cui il territorio ne va fiero''. E ancora: ''L'episodio del 31 gennaio è da considerare solo come una spiacevole e condannabile azione di pochi che non intaccherà lo spirito di tanti. Partecipo, come sindaco (e quindi come rappresentante dell'intera comunità), all'iniziativa 00la multa la pagano tutti'', certo che l'apporto dei vignanellesi non si farà attendere. Sono convinto che una bella presenza di sostenitori nella partita di domani farà certamente riflettere chi si è reso colpevole di un episodio triste, volgare e non degno della comunità che ognuno di noi, nel suo piccolo, rappresenta''.

''Dispiace davvero che ancora oggi succedano episodi così spiacevoli e mortificanti sui campi di calcio''. E' quanto dichiara invece Maurizio Gregori, sindaco di Vallerano, visibilmente amareggiato da quanto accaduto nel corso della partita disputata il 31 gennaio al Comunale di Vignanello. ''Sono stupidi e inutili episodi di intolleranza razziale che se vengono perpetrati nei grandi stadi, davanti a trenta, quarantamila persone, si perdono nella vastità dei luoghi, ma che quando vengono stupidamente proposti in campi di provincia, dove ci si conosce tutti, svelano una eco senza eguali''.

''Questa è una comunità dove ci si conosce davvero tutti – ha poi proseguito il sindaco Gregori - e la visibilità di una frase o di un gesto malsani si rispecchia sulla comunità stessa». ''Il Comune di Vallerano - ha poi concluso - affianca dunque l'iniziativa 'la multa la pagano tutti' per dare un segnale serio e diretto verso episodi simili che, mi auguro, non saranno più replicati''.







Facebook Twitter Rss