ANNO 9 n° 198
La Lega punta sui cinesi di Hikvision
per la sicurezza della città
Fusco: ''Controllare tutti non è bello, ma è necessario''
14/06/2019 - 14:45

VITERBO - Questa mattina, alle Terme dei Papi, la Lega di Viterbo ha parlato di sicurezza cittadina e videosorveglianza. Per farlo, il carroccio ha presentato un colosso del settore, la cinese Hikvision, azienda da oltre 50 milioni di euro di fatturato annuale.

L'intento, come ha ribadito il senatore Umberto Fusco, primo promotore dell'equazione ''controllo=sicurezza'', è quello di far capire alle persone, e alle amministrazioni comunali di Viterbo e degli altri paesi della Tuscia, come la tecnologia possa essere un deterrente contro la delinquenza.

''Purtroppo - ha precisato l'esponente leghista - in questa città, e nel resto d'Italia, avvengono molti atti delinquenziali''. Per tale motivo, il senatore propone di incrementare l'utilizzo di dispositivi di controllo sul territorio, una soluzione, a suo dire, in grado di infondere maggiore sicurezza in tutti i cittadini, anche se, ammette: ''Controllare tutti non è bello, ma è necessario''.

Attraverso l'utilizzo di device come telecamere, la Lega è sicura di poter anche sgravare le forze dell'ordine locali da un peso ormai troppo elevato: ''Le forze dell'ordine lavorano h24, ma è impossibile essere presenti contemporaneamente su tutto il territorio''.

'Come partito, crediamo molto in questa possibilità', ha dichiarato Fusco, ricordando ai presenti in sala l'approvazione dell'emendamento per la videosorveglianza negli asili.

In conclusione, un'affermazione di disponibilità che sembra diretta non solo alle forze dell'ordine, ma all'amministrazione stessa: ''Noi restiamo a disposizione''.






Facebook Twitter Rss