ANNO 9 n° 320
La birra della Tuscia lancia la sfida alle altre regioni
Dal 31 ottobre al 2 novembre degustazioni nei locali del centro storico
29/10/2019 - 16:21

VITERBO – La birra della Tuscia sfida le altre regioni. L’occasione è data dalla Festa omonima, che si terrà dal 31 ottobre al 2 novembre e si snoderà tre 16 attività del centro storico: bar, birrerie e ristoranti, molti esercizi di San Pellegrino dislocati nella cosiddetta fascia fucsia che vi hanno aderito. L’obiettivo è riportare i giovani in centro storico, specie nel quartiere San Pellegrino, dopo l’ordinanza. Per questo il Comune ha pensato a un evento che consentirà di avere la deroga nel lungo week-end di Halloween. 

''Ogni attività metterà in competizione una birra della Tuscia con una birra regionale, con un vero percorso per degustarla – ha spiegato l’assessore Alessia Mancini - Un capitolo zero, un esperimento per andare avanti con questo tipo di manifestazioni. E’ infatti mia convinzione continuare a fare degli eventi organizzati per avere delle deroghe passando per manifestazioni speciali, come prevede il Patto che abbiamo firmato''.

Il Comune si è fatto carico della sicurezza: polizia locale che farà il servizio fino a notte e gli stuart che saranno sovvenzionati dall’amministrazione. Ogni locale ha scelto la birra da far degustare. All’interno ci saranno i tarocchi di Cinzia Chiulli dedicati alla città di Viterbo.







Facebook Twitter Rss