ANNO 9 n° 295
La Asl presenta il terzo rapporto del Registro tumori della Tuscia
Giovedì 26 settembre, a partire dalle 14,45, presso il Centro culturale di Valle Faul a Viterbo
17/09/2019 - 16:46

VITERBO - Giovedì 26 settembre, presso il Centro culturale di Valle Faul a Viterbo, a partire dalle 14,45 la Asl di Viterbo presenterà il terzo rapporto con i dati statistici sui tumori maligni della Tuscia.

L’evento, gratuito e aperto a tutti, è l’occasione per condividere il frutto di questa attività con le associazioni di volontariato, le amministrazioni locali e la cittadinanza. Nel corso del convegno sarà distribuito gratuitamente agli iscritti una copia del rapporto.

''Il Registro tumori della Asl di Viterbo – spiega la responsabile, Angelita Brustolin - ha la funzione di raccogliere, registrare, codificare e analizzare le informazioni su tutti i casi di tumore che interessano i residenti della nostra provincia. Tale attività è frutto di un lavoro di equipe, complesso e costante nel tempo, che richiede l’utilizzo e il confronto tra varie fonti di dati, con l’obiettivo di ricostruire il percorso dei singoli casi e descrivere l’andamento dei tumori, correlando tra loro vari flussi informativi. Sono raccolti anche i dati di coloro che, residenti nella Tuscia, si rivolgono a strutture sanitarie, ubicate al di fuori della provincia di Viterbo''.

Il Registro lavora in rete, insieme agli altri registri tumori accreditati dall’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM) che ha attualmente una copertura pari al 70% del territorio nazionale. In questo contesto, i dati analizzati nel report 2019 della Tuscia sono un fondamentale tassello per ulteriori approfondimenti, che, in un prossimo futuro, saranno più facilmente attuabili, con il supporto degli altri Registri Airtum e del recente Registro tumori della Regione Lazio.

''Il Registro è un importante strumento per la strategia sanitaria pubblica sui tumori maligni – conclude il direttore generale della Asl, Daniela Donetti -, perché fornisce conoscenza. In particolare, produce dati utili per affrontare il problema dei tumori, dalla diagnosi alla cura, fino alla prevenzione, alla programmazione sanitaria e al monitoraggio dei fattori di rischio ambientali e professionali. Queste analisi possono essere effettuate solo mediante confronti tra aree diverse di registrazione, raccogliendo i dati secondo una metodologia standardizzata e rigorosi standard internazionali''.

 






Facebook Twitter Rss