ANNO 10 n° 52
Iscrizione ok, ora società e mercato
La società ha presentato, come da pronostico, domanda per la serie D
10/07/2015 - 19:46

VITERBO - Detto fatto. Niente colpi di scena in coda, la Viterbese Castrense ha presentato regolare domanda di iscrizione al prossimo campionato di Serie D. Entro le 18 di ieri, infatti, sono stati presentati i documenti del caso, compresa la fideiussione da 31 mila euro.

Due le squadra, tra le 167 aventi diritto, che si sono tirate indietro: Savoia e Neapolis. Ora i vari incartamenti saranno esaminati dalla Co.Vi.So.D., che entro il 20 luglio comunicherà alle società l'esito dell'istruttoria, inviando una copia anche a Lega Nazionale Dilettanti e Dipartimento Interregionale. In caso di bocciatura, ci sarà tempo fino al 22 (ore 17) per il ricorso.

Non dovrebbe essere il caso della Viterbese, che passata la paura per il rischio di una mancata iscrizione sulla falsariga del Grosseto sarà ora alle prese con un futuro ancora tutto da decifrare. A partire dalla società, con i Camilli che restano ma non si sa ancora se in plancia di comando o su posizioni più defilate, passando poi per l'allenatore e la nuova rosa.

Sul primo punto, il nome che ha preso a circolare nelle ultime ore è quello di Massimo Morgia, esperto nelle promozioni dalla serie D alla Lega Pro. In caso di conferma, sarebbe un notevole segnale per un'altra stagione ambiziosa. Sul mercato, invece, in attesa di capire il nuovo assetto le voci principali sono tutte in uscita.

Dopo Pippi, volato a Monterosi dal presidente Torroni, a dare l'addio è stato anche l'altro centravanti Andrea Saraniti che indosserà la casacca rossoblu della Vibonese. In una lettera aperta, l'attaccante ha salutato il pubblico gialloblu ringraziandolo per il calore ricevuto negli ultimi mesi. 

Arrivato in pompa magna la scorsa estate, Saraniti è stato protagonista indiscusso di una stagione vissuta tra alti (leggi gol, sponde, acrobazie aree e qualche magia inedita per la categoria) e bassi (due rossi diretti con lunghi stop, un ritardo in allenamento con successiva punizione). Impara un po' a controllarti, Andrea, e a queste latitudini calcistiche non avrai rivali. Grazie di tutto. E addio, anzi magari arrivederci.





Facebook Twitter Rss